Sciopero a Palermo, i 'No Green Pass' gridano: "Violato diritto al lavoro" | CLICCA PER LE FOTO :ilSicilia.it
Palermo

la protesta a piazza verdi

Sciopero a Palermo, i ‘No Green Pass’ gridano: “Violato diritto al lavoro” | CLICCA PER LE FOTO

di
16 Ottobre 2021

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Da ieri  il Green pass è diventato obbligatorio per l’accesso a tutti i luoghi di lavoro, sia nel settore pubblico che nel privato, fino al 31 dicembre, termine dello stato d’emergenza.

Il debutto della certificazione verde è stato segnato da numerose proteste. Anche Palermo è stata protagonista di uno sciopero generale indetto dal comitato “No Green Pass! Diritto al lavoro!”, che si è svolto a Piazza Verdi davanti il Teatro Massimo, del capoluogo siciliano.

Tra le sigle sindacali scese in campo per protestare il Fisi. La Federazione italiana sindacati intercategoriali non ci sta “Rammentiamo a tutti che le maggiori confederazioni sindacali hanno dichiarato apertamente di essere in accordo con il Governo nazionale sulle scelte dell’obbligo vaccinale e nulla hanno fatto sull’imposizione dei tamponi con costi a carico dei lavoratori, sulle sospensioni dal lavoro e dalla retribuzione dei lavoratori, venendo meno alla loro mission di difesa dei diritti dei lavoratori”. 

Alla manifestazione anche il coordinamento regionale di Italexit di Gianluigi Paragone, rappresentato da Vittoria Di Bella.

Noi di Italexit non accettiamo il green pass, un lasciapassare che discrimina i lavoratori, e l’uomo in quanto tale. Noi continueremo la nostra battaglia scendendo in piazza accanto ai lavoratori, a tutti i sindacati e insieme a chiunque dica no al green pass”, ha detto Vittoria Di Bella.

Chiaramente noi appoggiamo i lavoratori per la libertà di scelta – ha aggiunto la coordinatrice regionale –  Non è possibile vivere in questa dittatura. E’ impossibile che il lavoratore debba esibire un certificato verde per entrare sul luogo di lavoro.  Oggi, i nostri diritti risultano calpestati, e non c’è più democrazia. Rivendichiamo i nostri diritti e la Costituzione. Ricordiamoci che la Repubblica Italiana è fondata sul lavoro”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin