3 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.06

La nota dei sindacati

Sciopero dei dirigenti regionali in Sicilia: “Non ricevuti a Palazzo d’Orleans”

20 Marzo 2019

I 1.500 dirigenti regionali hanno scioperato in Sicilia nel corso di una manifestazione organizzata da Sadirs, Dirsi, Cobas-Codir, Ugl, Siad-Udirs. Secondo gli autonomi, che rappresentano oltre il 60% dei lavoratori, alla protesta ha aderito almeno un dirigente su due ma sono in corso le verifiche.

Fulvio Pantano, alla guida del Sadirs, ha detto:”A Palazzo d’Orleans non hanno voluto ricevere la nostra delegazione. Questo governo lancia brutti segnali per la democrazia. Non è mai successo che le rappresentanze sindacali riconosciute non venissero neanche ascoltate e ricevute“. I sindacati si riuniranno adesso per valutare le azioni da intraprendere.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Decidere in quale corteo sfilare

Il 19 Luglio ci rammenterà che cosa significa essere servitore dello Stato anche quando questo sembra dimenticarsi di te. Grande ammirazione per un comandante che fa il suo dovere e va avanti per il suo credo nella sua rotta.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.