Sciopero regionale dei call center a Palermo: "Servono regole e tutele" :ilSicilia.it
Palermo

Il raduno a piazza Croci

Sciopero regionale dei call center a Palermo: “Servono regole e tutele”

di
28 Gennaio 2020

Popolo delle cuffie in strada a Palermo per lo sciopero regionale dei call center, organizzato da Cgil, Cisl e Uil, al fianco dei lavoratori delle aziende di outsourcing. Martedì scorso la fiaccolata degli operatori di Almaviva, punta dell’iceberg della crisi del settore. Raduno in piazza Croci, poi il corteo tra le vie Libertà, Ruggero Settimo, Cavour, fino a villa Whitaker, sede della Prefettura.

Defiscalizzazione sui processi di reshoring, piani di sviluppo della filiera, lotta alle delocalizzazioni, costituzione di un fondo di settore, tariffe minime orarie e ammortizzatori sociali ordinari, tra le richieste. In queste stesse ore temono 150 dipendenti della Abramo Customer Care che ha convocato le organizzazioni sindacali per comunicare un calo di volumi fino al 70% sulla commessa 187 Tim.

Scendiamo in piazza con i lavoratori dei call center per supportare le loro richieste per la regolamentazione del settore contro le delocalizzazioni selvagge e per sollecitare il governo nell’approvazione di emendamenti che garantiscano la crescita di questo comparto fondamentale delle telecomunicazioni“, spiegano il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo, il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana e il coordinatore territoriale Uil di Palermo Gianni Borrelli.

Nella piattaforma delle rivendicazioni anche le clausole sociali esigibili e con il vincolo della territorialità, tariffe minime orarie certe estese ai committenti privati, applicazione della contrattazione collettiva di settore o equivalente. Occhi puntati anche al 4 febbraio: per quella data, alle 15, il sottosegretario alla Sviluppo economico, Alessandra Todde, ha convocato le principali aziende committenti dei call center: obiettivo “analizzare il rapporto degli operatori del settore con i principali committenti sulle tematiche relative ai lavoratori, alla qualità del servizio e alla delocalizzazione”.

“Ottanta percento  di adesione allo sciopero regionale dei call center è un dato che vale doppio e merita “rispetto” perché raggiunto da lavoratori che vivono sotto la soglia di povertà.  Così dichiara Giuseppe Tumminia, segretario regionale Uilcom il quale prosegue affermando che “ora la parola passa al Governo e ai grandi committenti , Tim,Wind, in primis, chiamati in causa da questa grande mobilitazione.Non possiamo accontentarci solo di Ammortizzatori sociali, serve lavoro, riqualificazione, regole trasparenti contro le speculazioni mascherate da esigenze di mercato”.
“Sulla vertenza Almaviva – conclude segretario regionale – nel breve periodo, le ricadute vanno spalmate e le opportunità di lavoro garantite a tutti i lavoratori, inaccettabile l’idea di soluzioni diversificate per commessa”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.