Scirocco Wine Fest, arriva il vento del mediterraneo che ha il profumo del vino :ilSicilia.it
Trapani

La rassegna si svolgerà a Gibellina dal 28 al 30 luglio.

Scirocco Wine Fest, arriva il vento del Mediterraneo che ha il profumo del vino

di
18 Luglio 2017

Quel vento proveniente da sud-est, allo stesso tempo caldo ed impetuoso, lo scirocco ha tanto da narrare dei luoghi che incontra ed attraversa: parla di paesi, di popoli, racchiude storie e tradizioni, rievoca colori, sapori e profumi.

Custodisce un tesoro prezioso, che verrà raccontato attraverso il vino  la poesia della terra” – per utilizzare un’espressione di Mario Soldati – in un evento unico e suggestivo, che si svolgerà a Gibellina, dal 28 al 30 luglio. È lo Scirocco Wine Fest, progetto inserito all’interno del programma Destinazione Gibellina, che si pone come occasione di confronto e crescita per sei territori lambiti dal mare nostrum, quali Sicilia, Grecia, Tunisia, Turchia, Malta e Spagna. 

Vento e vino, dunque, due parole quasi omofone per un topos  dalle note antiche, attraverso il quale prende forma e si sviluppa l’idea della mescolanza e della condivisione di popoli e culture, peculiare della nostra Sicilia, centro del Mediterraneo. Ma Scirocco Wine Fest è soprattutto un percorso ricco di percezioni all’insegna dell’arte e della musica, destinato a risvegliare tutti i sensi, dalla vista, all’udito, dall’olfatto al tatto e al gusto.

Ecco perché per questo raffinato viaggio i sei protagonisti portano con sé un bagaglio pieno di tradizioni: ognuna delle terre coinvolte, infatti, sarà rappresentata da un vino, caratteristico delle sei aziende partecipanti, e da un prodotto o un piatto tipico.  Rispettivamente, Grecia con il vino Limnios Ambelourgos (Chatzigeorgiou Limnos) e i souvlakia (piccoli spiedi di carne), Malta con il Grand Vin de Hauteville Viognier (Delicata) e il pastizz  (cibo da strada con pasta sfoglia e ricotta), per la Sicilia lo Zibibbo (Tenute Orestiadi) con il fresco melone giallo, la Spagna, invece, rappresentata dal vino Garnacha Tintorera (Bodega Santa Cruz De Alpera) insieme alle saporite patatas bravas (patate abbinate a salse), per poi passare alla Tunisia con il vino Cave du Port (Richemer) e il brik (involtini di leggerissima pasta sfoglia), concludendo con la Turchia e il vino Corpus rosso (Corvus) insieme ai köfte (polpette di carne, verdure, uova e spezie). 

Al convito dello Scirocco Wine Fest poi non mancherà la musica: il giorno conclusivo, domenica 30 luglio, si esibirà, infatti, in piazza XV Gennaio, l’Orchestra Sinfonica Siciliana. Non ci sarà tregua per le emozioni: all’interno della manifestazione previsti  eventi del tutto singolari e particolari, si va ad esempio da un “Un brindisi tra le nuvole”, osservando Gibellina dall’interno di una colorata mongolfiera in volo e degustando una calice di vino, a spettacoli in strada tra artisti, danzatori e acrobati. 

Per i dettagli clicca qui su Programma SCIROCCO WINE FEST
© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.