Scommesse e usura on-line: decine di arrestati a Siracusa :ilSicilia.it
Siracusa

le indagini della polizia

Scommesse e usura on-line: decine di arrestati a Siracusa

di
30 Settembre 2021

La Polizia sta eseguendo una decina di misure di custodia cautelare, in carcere e ai domiciliari, in esecuzione di un’ ordinanza del gip del Tribunale di Siracusa, nei confronti di persone accusate di associazione per delinquere finalizzata all’esercizio abusivo dell’attività di gioco e scommesse on-line attraverso siti illegali, esercizio abusivo dell’attività di credito ed usura.
L’operazione, scattata all’alba, è stata denominata “Ludos”.

Le indagini degli investigatori della squadra mobile di Siracusa e del commissariato di Augusta, coordinate dal procuratore aggiunto Fabio Scavone e dai sostituti procuratori Donata Costa e Francesca Eva, hanno disarticolato un gruppo che secondo le accuse esercitava abusivamente l’attività di gioco e scommesse. “I capi dell’organizzazione, raccordo tra i due distinti gruppi di gestione dei siti illegali di scommesse ed avvalendosi del rapporto con i gestori, nazionali ed esteri, ottenevano il credito necessario per l’esercizio del gioco senza anticipare denaro, fidelizzando i giocatori e assumendo credito, anche usurario, nei loro confronti. Il tutto, con l’aggravante dalla transnazionalità avendo l’associazione per delinquere in commento propaggini anche all’estero, in particolare a Malta“, spiega la polizia. Un giro di affari di centinaia di migliaia di euro. Alcuni soggetti, pur non avendo i requisiti, percepivano secondo le indagini il reddito di cittadinanza producendo, inoltre, un contratto d’affitto fittizio per aumentare l’importo del sussidio percepito.

Avrebbero approfittato delle debolezze nel gioco di decine di cittadini di Augusta, nel Siracusano, per racimolare centinaia di migliaia di euro. Ai ludopatici venivano imposti interessi usurai anche del 300 per cento ed in alcuni casi, quale garanzia, le vittime erano costrette a consegnare le chiavi di loro autovetture. E’ il quadro che emerge dalle indagini della polizia che ha eseguito, al termine dell’operazione Ludos, quattro misure cautelari in carcere e sette agli arresti domiciliari. Gli undici destinatari dei provvedimenti sono indagati, a vario titolo, per associazione per delinquere finalizzata all’esercizio abusivo dell’attività di gioco e scommesse on-line attraverso siti illegali, esercizio abusivo dell’attività di credito ed usura.

Dalle indagini degli investigatori della squadra mobile di Siracusa, guidata dal dirigente Gabriele Presti, e dei poliziotti del commissariato di Augusta, con il dirigente Guglielmo La Magna, sono emersi diversi episodi di usura: prestiti di danaro contante con interessi “da capogiro”.

L’inchiesta è scattata nel dicembre 2019, dopo una coppia di anziani aveva denunciato al commissariato di Augusta che il figlio aveva debiti gioco che loro dovevano ‘coprire’. Gli agenti sono risaliti all’attività di raccolta di scommesse sportive effettuate su siti illegali. Diversi siti, tutti riconducibili agli stessi gestori, che cambiavano indirizzo a seconda delle necessità. Alcuni degli indagati avevano regolare licenza con agenzie nazionali, ma spingevano i loro clienti ad effettuare le giocate sui siti illeciti. Il “pacchetto clienti” giocava sui siti esteri per eludere la tassazione nazionale. Le perdite registrate in alcuni casi hanno superato i 100mila euro per singolo giocatore. L’associazione approfittava dello stato di bisogno per elargire prestiti i giocatori che nella maggior parte dei casi non versavano il denaro delle scommesse ma accumulavano debiti. Il promotore dell’associazione era percettore del reddito di cittadinanza. “Nonostante un tenore di vita elevatissimo con viaggi e vacanze estive di lusso, il soggetto ha effettuato una serie di dichiarazioni mendaci per aumentare l’importo mensile del sussidio ricevuto dallo Stato arrivando a percepire la soglia massima di reddito di cittadinanza grazie a contratti e dichiarazioni false” spiega la polizia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin