Scomparsa di Viviana Parisi, possibile avvistamento a Giardini Naxos :ilSicilia.it
Messina

LA TESTIMONIANZA DI UN RAGAZZO DEL POSTO RIACCENDE LE SPERANZE

Scomparsa di Viviana Parisi, possibile avvistamento a Giardini Naxos

di
6 Agosto 2020

Nuovi dettagli sulla scomparsa di Viviana Parisi e del figlio Gioele, di 4 anni.

La polizia di stato sta verificando la segnalazione fatta da un giovane residente di Giardini Naxos (ME), che afferma di avere visto la donna e il proprio figlio all’interno di un parco giochi.

LA TESTIMONIANZA

Secondo quanto afferma il ragazzo, la Parisi indossava un vestito lungo, mentre il figlio portava un taglio di capelli abbastanza peculiare. Un identikit abbastanza fedele alla fisionomia dei ricercati. Il giovane ha inoltre aggiunto che la donna parlava con un accento non siciliano. La versione è stata confermata anche da due dipendenti della struttura.

Ricordiamo che le ricerche vanno avanti senza successo da lunedì.

RICERCHE SPOSTATE A BARCELLONA POZZO DI GOTTO

Le ricerche in queste ore sono concentrate a Piano Margi, una zona vicina ai Barcellona Pozzo di Gotto (Me).

Il posto di comando avanzato (UCL) ha inviato il Nucleo cinofili e la squadra operativa dei vigili del fuoco di Villafranca Tirrena.

Sul posto è presente anche il personale del corpo forestale e della guardia di finanza.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.