Scompenso cardiaco: una patologia in forte aumento. Il paziente tra specialista e medico di base| VIDEO INTERVISTE :ilSicilia.it
Palermo

A Palermo un corso su questa malattia

Scompenso cardiaco: una patologia in forte aumento. Il paziente tra specialista e medico di base| VIDEO INTERVISTE

di
23 Giugno 2018

 

GUARDA VIDEO INTERVISTE IN ALTO

Si è tenuto a Palermo, il corso relativo allo scompenso cardiaco, all’hotel Federico II, in via Principe di Granatelli.

Si tratta di una patologia in forte aumento, alla cui base vi è, probabilmente, sia l’incremento della durata media della vita, sia l’aumentata sopravvivenza dopo un evento coronarico acuto. Lo Scompenso Cardiaco (SC) o Insufficienza Cardiaca (IC) è una sindrome clinica complessa, definita come l’incapacità del cuore di fornire il sangue in quantità adeguata, rispetto all’effettiva richiesta dell’organismo o la capacità di soddisfare tale richiesta solamente a pressioni di riempimento ventricolari superiori alla norma.

Alla base del corso vi è la “stabilità del sintomo” che spesso induce i medici a non apportare modifiche alla terapia assegnata inizialmente, portando a volte ad interventi di ottimizzazione di questa solo in fasi troppo avanzate di malattia, con scarsi effetti sul possibile miglioramento. E’ in questa ottica che il lavoro di team tra i medici generici e lo specialista ospedaliero diviene indispensabile per garantire una più corretta assistenza al paziente HF.

medicina interna palermoIl paziente con scompenso cardiaco – spiega il professore Salvatore Corrao direttore dell’U.O.C. di Medicina interna all’Arnas Civico di Palermo –  rappresenta una criticità per il nostro Servizio Sanitario perché i pazienti con età superiore ai 65 anni, sono soggetti ad un elevato numero dei ricoveri per questa patologia.

Molti di questi ricoveri  – continua Corrao – sono generati dalla difficoltà dei setting territoriali di assistenza nell’affrontare in modo appropriato le sfide che questa malattia propone. Le principali criticità esistenti in tal senso coinvolgono, in realtà, il setting assistenziale territoriale, nell’ambito del quale le cure primarie occupano un ruolo preminente sia quello ospedaliero. 

Il loro superamento – conclude il professore –  è perseguibile da un lato migliorando le competenze professionali e potenziando la formazione implementando il processo di integrazione ospedale–territorio”.

medicina interna palermoCredo che l’ecocardiografia – afferma il dottore Luigi Calvo, specialista Medicina interna Arnas Civico Palermo – debba essere un’indagine di primo livello nei pazienti con scompenso cardiaco. Ma i dati che provengono dalla letteratura internazionale indicano che solo il 58% dei pazienti, che presentano questa patologia, viene sottoposto a questo tipo di esame, quando si tratta di una malattia che va monitorata anche negli aspetti che riguardano le alterazioni morfologiche e funzionali del muscolo cardiaco“.

medicina interna palermoPer quanto riguarda la prassi per accedere al servizio ospedaliero il dottore Umberto Lupo, specialista Medicina interna Arnas Civico Palermo, dice – “Nell’ottica di una migliore gestione della complessità di questi pazienti, fra ospedale e territorio, si è pensato di realizzare, anche in ambito internistico, dei laboratori deputati alla gestione dello scompenso cardiaco, con la possibilità di essere inseriti in un percorso ospedaliero ambulatoriale attraverso la richiesta del medico di famiglia, con liste che scorrono abbastanza velocemente, per dare la possibilità di accedere a una visione specialistica e internistica di questi pazienti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.