Scontro tra Foss e Amici della Musica: il Comune di Palermo garantisce le date all'Associazione :ilSicilia.it
Palermo

Orlando ci mette una pezza

Scontro tra Foss e Amici della Musica: il Comune di Palermo garantisce le date all’Associazione

di
26 Novembre 2019

Una riunione convocata dagli uffici del governatore Musumeci direttamente alla Foss per discutere le sorti degli Amici della Musica all’interno del teatro Politeama, a Palermo.

Stefano Santoro presidente del cda della Foss da tempo ha messo i bastoni tra le ruote all’associazione che ha come presidente l’avvocato Milena Mangalaviti. Una guerra tra note musicali che potrebbe far saltare le date dei concerti che da molto tempo gli “Amici della Musica” mettono in scena al teatro Politeama.

Il presidente Santoro ha contestato all’associazione le somme arretrate e mai corrisposte per gli spettacoli per 671mila euro, per cui ha dato mandato all’avvocato Alessandro Dagnino con una delibera presidenziale. “Se gli ‘Amici’ non firmano una nuova convenzione che sostituisca quella scaduta e si mettono in regola, per noi non hanno nessun titolo – diceva  Santoro giorni fa ai giornalisti – . È finita l’era degli sprechi e delle ingerenze della politica, la Fondazione sta pagando con rate molto onerose un debito di 7 milioni e mezzo. Resto basito per le uscite del Comune di Palermo”. 

L’ultima guerra interna è stata l’annullamento del 2 dicembre del concerto del quartetto di Mosca e del pianista Bruno Canino, in favore congresso nazionale della medicina delle malattie infettive voluto proprio dal presidente Santoro.

Ma Leoluca Orlando, oggi presente alla riunione, ha garantito i concerti all’associazione degli Amici della Musica. A quanto pare, l’avvocato Mangalaviti ha avuto la meglio in merito alla vicenda. Alla riunione, oltre a Musumeci, Orlando e i due protagonisti dell’impasse istituzionale, erano presenti l’assessore al Turismo, Manlio Messina il vice presidente del cda della Foss Marco Intravaia, il vicesindaco Fabio Giambrone e il Sovrintendente della Foss Antonino Marcellino.

A quanto pare, stando alla volontà del sindaco Orlando, le condizioni restano quelle sottoscritte dalla vecchia convenzione pattuita tra la struttura e gli Amici della Musica. Quindi le 40 date stabilite per l’associazione, all’interno del teatro Politeama andranno avanti regolarmente.

Adesso il cda della Foss aspetta la notifica della proposta da parte del Comune di Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin