14 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.46
Palermo

in via tiro a segno

Scoperto a Palermo un deposito di auto e moto rubate | Fotogallery

5 Dicembre 2018
'
'
'

Scorri la fotogallery in alto

Un’autorimessa in piena regola ma di auto e moto rubate. È stata scoperta a Palermo, in via Tiro a Segno, la scorsa notte dalla polizia. Gli agenti dell’ufficio Prevenzione generale e Soccorso pubblico, durante un ordinario servizio di pattugliamento hanno trovato, nello scantinato di un edificio solo parzialmente edificato e in stato di abbandono, una vera e propria collezione di mezzi.

Nella “pancia” del rudere, in una sorta di acquitrino, sono state ritrovate vetture, ciclomotori e motocicli, alcuni ancora integri, altri parzialmente smontati e altri ancora letteralmente “cannibalizzati”.

“Le laboriose operazioni che hanno coinvolto i poliziotti del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica hanno consentito di risalire a quasi tutti i proprietari dei mezzi ai quali è già avvenuta la restituzione”, si legge in una nota.

“Tutti i mezzi risultano essere stati rubati nel recente periodo, è plausibile che il luogo fosse stato adibito a custodia e temporanea giacenza, in attesa della vendita al dettaglio di singole parti meccaniche così da alimentare il sempre fiorente mercato illegale dei ricambi auto o di essere rivendute integralmente”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.