Scoppia la pace tra Ferrandelli e Miccichè. Ed è una buona notizia anche per Lagalla :ilSicilia.it
Palermo

La corsa per la poltrona di sindaco a Palermo

Scoppia la pace tra Ferrandelli e Miccichè. Ed è una buona notizia anche per Lagalla

di
27 Marzo 2017

Fabrizio Ferrandelli, per comunicare il via libera alla grande alleanza con Forza Italia, utilizza un laconico comunicato di poche righe, lontano dallo stile “perestrojka” a cui aveva abituato: “nel corso di un incontro dedicato alla formazione delle liste e ai simboli, si è giunti ad un chiarimento e ad un accordo tra tutte le componenti presenti. Siamo pienamente consapevoli che è possibile superare in breve le incomprensioni sorte in questi giorni perché, al fine di produrre un cambiamento che migliori la qualità della vita delle palermitane e dei palermitani, trovare insieme soluzioni e delineare insieme un programma efficace da offrire alla città viene prima di qualsiasi cosa“. Da notare il plurale, “l’essere pienamente consapevoli” e “l’essere insieme”.

Ma in fondo le nubi a minacciare il sostegno azzurro al candidato sindaco dei Coraggiosi erano solo polvere da spazzare via con un soffio, polemiche di cartapesta. Lo sapeva Gianfranco Miccichè, lo sapeva Fabrizio Ferrandelli che quel matrimonio si doveva fare.

Per l’ex piddino, il nodo da sciogliere era accettare il simbolo di Forza Italia tra le liste che lo sostengono. Una soluzione si troverà, “per il bene di Palermo e dei palermitani” ma soprattutto per non compromettere il sistemone messo in piedi per affrontare, fianco a fianco, le elezioni comunali prima e poi le regionali.

Il niet di Ferrandelli aveva un po’ spiazzato gli ambasciatori, sia “azzurri”, sia “coraggiosi” (in qualche caso i ruoli e le identità coincidono, ndr) che da mesi tentano di mettere in piedi alleanze a geometria variabile in grado di sostenere l’urto di queste tornate elettorali. Come verrà  superato il rifiuto del simbolo “azzurro”? Basta guardare in casa Orlando perché capire come si possa emulare la strategia di colui che il sindaco lo sa fare. E in effetti proprio dalla presentazione della lista Pd -Democratici emergono degli spunti utili agli spin doctor di Ferrandelli. In quella lista che sostiene Orlando il simbolo del Pd non c’è ma in fondo c’è. Tra un escamotagè grafico e l’altro, l’immaginazione sale al potere e ogni candidato sindaco (ad eccezione di  Ugo Forello che correrà sotto il vessillo dei grillini) avrà nelle sue schiere partiti che ci sono ma non ci sono. Segno (grafico) dei tempi (politici).

Lagalla

Sul piano delle relazioni a lunga gittata, la pax ritrovata tra i Coraggiosi e Forza Italia. Ed  è una buona notizia anche per Roberto Lagalla.  La sua piattaforma programmatica ed elettorale  verrà sperimentata proprio sull’asse  Ferrandelli – Forza Italia – ex Udc legati a Totò Cuffaro. Se fosse saltato il sostegno delle truppe del Cavaliere, i cuffariani si sarebbero tenuti in ambasce, nell’incertezza di continuare a sostenere o meno il “Coraggioso”.

Col sereno che spunta nuovamente, anche l’ex Magnifico Rettore può tirare un sospiro di sollievo e continuare a progettare la sua Idea di Sicilia.  Resta solo un dubbio. Ma alcuni dei più “pesanti” consiglieri comunali in carica di Forza Italia chi sosterranno? Confluiranno su Ferrandelli? O tireranno la volata al sindaco Orlando? C’è chi scommette sulla seconda delle due ipotesi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin