Scovati due spacciatori a Catania: uno era “a lavoro” invece che ai domiciliari :ilSicilia.it
Catania

IL FATTO

Scovati due spacciatori a Catania: uno era “a lavoro” invece che ai domiciliari

di
21 Luglio 2021

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Fontanarossa, nella flagranza di reato, hanno arrestato due giovani catanesi di 23 e 22 anni, entrambi perché ritenuti responsabili di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio mentre, solo per il più giovane, anche di evasione.

Nel quadro dei vari servizi finalizzati al contrasto dello spaccio di droga, i militari avevano iniziato un’osservazione nella nota via Capo Passero che, ben presto, ha dato i suoi frutti.

I militari in particolare avevano riconosciuto i due pusher, intenti a spacciare sotto i portici della via Capo Passero, in quanto erano una loro vecchia conoscenza poiché arrestati in precedenza per lo stesso motivo.

Ma vi è di più perché il più giovane, tracolla al collo in perfetto stile “spaccio”, svolgeva la sua redditizia quanto illecita attività senza tener conto del fatto che sarebbe dovuto permanere ristretto ai domiciliari.

Immediato così l’intervento dei militari che, però, sono stati notati da uno dei due che ha avvertito il complice quindi, insieme, si sono rifugiati all’interno del palazzo sbarrando dall’interno il portone d’ingresso con una sbarra di ferro.

I militari sono riusciti comunque ad avere l’accesso al palazzo ed hanno trovato i due sul pianerottolo del terzo piano, nonché la tracolla portata da uno dei due all’interno della quale vi era solo una dose di marijuana.

La prosecuzione dell’ispezione del luogo ha consentito ai militari di trovare 46 dosi di cocaina, 40 di marijuana, 21 di crack, 2 bilancini di precisione, nonché l’immancabile caricabatteria per la ricetrasmittente utilizzata da spacciatori e vedette per le “comunicazioni di servizio”.

I due, espletate le formalità di rito, sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

In contemporanea i Carabinieri della Stazione di Vizzini, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Corte d’Appello presso la Procura Generale della Repubblica di Catania, hanno arrestato il 34enne Giuseppe PROSSIMO di Caltagirone.

L’uomo, che è stato associato al carcere di Caltagirone, dovrà espiare un residuo di pena scadente il giorno 11 febbraio del 2024 per traffico di sostanze stupefacenti, commesso in Vizzini nell’anno 2013.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin