Scricchiola ancora la maggioranza di Orlando: Amat a rischio fallimento. Bocciato il piano :ilSicilia.it
Palermo

ieri non sono passati i debiti fuori bilancio

Scricchiola ancora la maggioranza di Orlando: Amat a rischio fallimento. Bocciato il piano

20 Aprile 2018

 

Ancora una volta bocciato Orlando, questa volta la prima Commissione consiliare non ha approvato la proposta del piano industriale 2015-2019 della società AMAT Spa, dopo non avere fatto passare, proprio ieri, i Debiti fuori Bilancio, tutti supportati da sentenze esecutive, a cui, oltre all’astensione dei consiglieri della minoranza, si è aggiunta quella di un componente della maggioranza, il consigliere Giulio Cusumano.

Tutto ciò capita proprio all’indomani della riunione tra il Sindaco e la sua maggioranza che avrebbe dovuto chiarire e risolvere i problemi.

Oggi ad opporsi è il consigliere comunale del Mov139 Sandro Terrani che ha espresso parere negativo sul piano dell’Amat  “come avrei potuto approvarlo? – afferma– Mi sono astenuto, per rimandare indietro ad Amat il provvedimento e correggerlo. Non possiamo permettere di mandare in fallimento l’aziendaL’Amat sta in piedi perché è previsto un incasso di 30 milioni di euro provenienti anche dalla ZTL 2, ma se questa non ha mai visto la luce e mai la vedrà? Sono stato eletto in una lista civica – conclude –  per questioni di parte non posso votare una ZTL 2 inesistente, e che non condividerei“.

Oggi in commissione bilancio abbiamo continuato la nostra operazione verità sui conti del Comune e delle sue controllate – afferma il capo dell’opposizione Fabrizio Ferrandelli – Un piano che prevede per creare coperture economiche l’entrata in esercizio di una Ztl 2, che non sappiamo se l’Amministrazione intende istituire. Una copertura quindi inesistente. Ora si blocchino le nuove linee tram. L’azienda è allo sbando. 

La situazione finanziaria al 31-12-2014 – continua il consigliere – è compromessa da crediti avanzati per 66 milioni, alla quale si aggiunge la strutturale perdita strutturale dichiarata in questi giorni di 10 milioni di euro”.

Questo fatto dimostra, ancora una volta, l’incapacità cronica del Comune e dei suoi organi istituzionali, in primis Giunta e Consiglio, di esercitare un vero controllo analogo nei confronti delle proprie società partecipate, ormai allo sbando, come l’Amat e la Rap – afferma Ugo Forello, capogruppo del MoVimento 5 Stelle di Palermo“.

Il piano è ormai superato e obsoleto  – continua il consigliere comunale del M5s – Basti pensare che nello stesso si prevedevano degli introiti a favore dell’Amat per le tariffe della ZTL parti a circa 7.500.000 per il 2015 e 30.000.000 per il 2016.

Con l’astensione della maggioranzaconclude il consigliere Cinquestelleè chiaro il disagio delle liste civiche rimane nel progetto del sindaco, oggi più che mai uomo di partito“.

 

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.