Scritta anonima contro Gelarda, la solidarietà di Ficarra e Aiello: "Gesto inaccettabile" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

le reazioni

Scritta anonima contro Gelarda, la solidarietà di Ficarra e Aiello: “Gesto inaccettabile”

20 Aprile 2019

“… Siamo sconcertati per la scritta intimidatrice contro il candidato della Lega alle elezioni per il rinnovo al Parlamento europeo  nel collegio isole Sicilia-Sardegna Igor Gelarda”.

Comincia così una nota di solidarietà al responsabile enti locali leghista e capogruppo in Consiglio Comunale a Palermo, da parte del coordinatore e responsabile Enti Locali per la Provincia di Palermo Elio Ficarra,  anch’egli consigliere comunale a Sala delle Lapidi e del vice coordinatore cittadino a Palermo Andrea Aiello, dopo la scritta anonima comparsa oggi su un manifesto elettorale nel capoluogo siciliano..

“Esprimiamo – scrivono – la massima solidarietà e vicinanza al collega, riconoscendogli grande competenza ed impegno per la Sicilia. Si tratta di un gesto inaccettabile per la Sicilia, una terra in cui i cittadini riconosceranno nel progetto politico della Lega l’unico interlocutor per un concreto riscatto e per una vera riqualificazione del territorio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.