Scritta offensiva contro la "Italo-Belga" su una parete di legno in spiaggia a Mondello :ilSicilia.it
Palermo

Il graffito ritrae un omino dall’aria 'malavitosa'

Scritta offensiva contro la “Italo-Belga” su una parete di legno in spiaggia a Mondello

di
1 Febbraio 2019

Mafia Italo- Belga. Vi rubano la spiaggia dal 1909”. Questa la scritta che è apparsa in questi giorni su una struttura di legno della società che da decenni gestisce la spiaggia di Mondello.

Il graffito ritrae un omino dall’aria ‘malavitosa’, sullo sfondo il golfo balneare del capoluogo siciliano. Il murale è presente in una grossa cabina nella porzione di spiaggia di viale Regina Elena. Non si sa chi sia l’autore (o gli autori) del gesto, ma ancora oggi il disegno era al suo posto, fra gli sguardi perplessi dei passanti.

L’area su cui è apparsa la scritta è sulla spiaggia nell’area data in concessione alla società. Il biglietto giornaliero, nel periodo estivo – che comprende ombrellone e lettino prendisole – si aggira intorno ai 10 euro.

mondelloPer anni la famiglia Castellucci ha guidato il timone della società Italo-Belga, ma pur non figurando più nel Consiglio d’amministrazione, rimane pur sempre nella compagine azionaria della società. Romagnoli di nascita, mondelliani d’adozione, i ‘Castellucci’ sono i manager da sempre di quasi tutta la spiaggia del golfo di Mondello. La concessione copre 36 mila metri quadrati di arenile, ed è stata sempre rinnovata nel corso degli anni. Pare che gli introiti della società siano superiori rispetto ai circa 45mila euro versati alla Regione per il pagamento del canone annuale. Ma dal 2020 i giochi potrebbero essere diversi.

Proprio in quella data, infatti, scadranno tutte le concessioni esistenti; non ci saranno più distese di cabine e lidi, ma metà del litorale dovrà rimanere spiaggia libera e fra uno stabilimento balneare (che non dovrà superare i 3 mila metri quadrati di estensione) e l’altro, ci dovrà essere una distanza lineare di cento metri. Una porzione quest’ultima che sarà destinata a spiaggia libera. La giunta comunale ha approvato nel maggio del 2018, la delibera con le nuove linee guida per la revisione del Piano di utilizzazione delle aree demaniali marittime (Pudm), che poi dovrà essere approvato dal consiglio comunale e ratificato dalla Regione. Il Piano dovrà garantire che almeno metà della Costa interessata non sia data in concessione e, pertanto, che sia destinata alla libera e gratuita fruizione da parte della collettività. Una vecchia canzone di Jimmy Fontana si intitolava: “Chi vivrà, vedrà”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin