Scritta offensiva contro la "Italo-Belga" su una parete di legno in spiaggia a Mondello :ilSicilia.it
Palermo

Il graffito ritrae un omino dall’aria 'malavitosa'

Scritta offensiva contro la “Italo-Belga” su una parete di legno in spiaggia a Mondello

1 Febbraio 2019

Mafia Italo- Belga. Vi rubano la spiaggia dal 1909”. Questa la scritta che è apparsa in questi giorni su una struttura di legno della società che da decenni gestisce la spiaggia di Mondello.

Il graffito ritrae un omino dall’aria ‘malavitosa’, sullo sfondo il golfo balneare del capoluogo siciliano. Il murale è presente in una grossa cabina nella porzione di spiaggia di viale Regina Elena. Non si sa chi sia l’autore (o gli autori) del gesto, ma ancora oggi il disegno era al suo posto, fra gli sguardi perplessi dei passanti.

L’area su cui è apparsa la scritta è sulla spiaggia nell’area data in concessione alla società. Il biglietto giornaliero, nel periodo estivo – che comprende ombrellone e lettino prendisole – si aggira intorno ai 10 euro.

mondelloPer anni la famiglia Castellucci ha guidato il timone della società Italo-Belga, ma pur non figurando più nel Consiglio d’amministrazione, rimane pur sempre nella compagine azionaria della società. Romagnoli di nascita, mondelliani d’adozione, i ‘Castellucci’ sono i manager da sempre di quasi tutta la spiaggia del golfo di Mondello. La concessione copre 36 mila metri quadrati di arenile, ed è stata sempre rinnovata nel corso degli anni. Pare che gli introiti della società siano superiori rispetto ai circa 45mila euro versati alla Regione per il pagamento del canone annuale. Ma dal 2020 i giochi potrebbero essere diversi.

Proprio in quella data, infatti, scadranno tutte le concessioni esistenti; non ci saranno più distese di cabine e lidi, ma metà del litorale dovrà rimanere spiaggia libera e fra uno stabilimento balneare (che non dovrà superare i 3 mila metri quadrati di estensione) e l’altro, ci dovrà essere una distanza lineare di cento metri. Una porzione quest’ultima che sarà destinata a spiaggia libera. La giunta comunale ha approvato nel maggio del 2018, la delibera con le nuove linee guida per la revisione del Piano di utilizzazione delle aree demaniali marittime (Pudm), che poi dovrà essere approvato dal consiglio comunale e ratificato dalla Regione. Il Piano dovrà garantire che almeno metà della Costa interessata non sia data in concessione e, pertanto, che sia destinata alla libera e gratuita fruizione da parte della collettività. Una vecchia canzone di Jimmy Fontana si intitolava: “Chi vivrà, vedrà”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.