Scuola: alunni disabili in aumento, ma non gli insegnanti di sostegno :ilSicilia.it

Si riducono le chance dei docenti al Nord di rientrare

Scuola: alunni disabili in aumento, ma non gli insegnanti di sostegno

di
7 Maggio 2018

 

Aumentano gli alunni disabili che in Sicilia frequenteranno il prossimo anno scolastico, ma i posti in organico di diritto rimangono inalterati. Una decisione che ha fatto inalberare i sindacati, oggi convocati presso l’Ufficio scolastico regionale, sia perchè viene compromessa la continuità didattica a svantaggio degli studenti e sia perchè in questo modo si riducono le chance dei docenti siciliani immessi in ruolo al Nord di poter rientrare sfruttando le assegnazioni in deroga al titolo della specializzazione necessaria per il sostegno.

Un provvedimento che peraltro, fanno notare le organizzazioni sindacali, non tiene conto dell’aumento dei disabili gravi, ovvero di coloro che hanno bisogno di un sostegno totale, passati dal 50.02% al 51.2%. Alunni che nella maggior parte dei casi hanno maturato un rapporto di conoscenza e confidenza con il proprio insegnante di sostegno e che con molta probabilità dovranno ricostruire con enormi disagi e difficoltà.

I sindacati contestano l’incoerenza del Ministero che proprio alcune settimane fa aveva deciso di ridurre la dotazione organica comune proprio perchè era stato registrato un calo della popolazione scolastica.

“Non si comprende – spiegano in una nota l’Flc Cgil, la Cisl e la Uil Scuolail criterio adottato che prevede, a fronte di un decremento consistente della popolazione scolastica siciliana un conseguente decremento di posti comuni pari a 175, e al contrario, perché ad un aumento di 724 alunni disabili sul territorio siciliano non si assiste, invece, ad un altrettanto consequenziale aumento di posti in organico di diritto, rimandando la gestione del problema all’assegnazione di posti in deroga ed ai decreti del direttore regionale che tentano, invano, di chiudere le innumerevoli falle aperte dalle sentenze positive che danno ragione alle famiglie degli alunni ricorrenti che vedono calpestati ingiustamente i propri diritti”.

Per Graziamaria Pistorino, segretaria della Flc Cgil Sicilia, ci sono i margini per trovare una soluzione. “Il tema – spiega – è all’ordine del giorno della discussione sul contratto integrativo sulle utilizzazioni avviata il 3 maggio scorso al Miur. Sulla base delle prime anticipazioni forniteci dall’Usr si stima che i posti in deroga per il sostegno in Sicilia per il prossimo anno scolastico saranno circa 7 mila. Riteniamo che questo numero potrebbe consentire la piena occupazione dei docenti precari specializzati, il rientro anche dei docenti di ruolo al Nord privi di specializzazione e, infine, l’assegnazione di incarichi annuali per i precari siciliani non specializzati”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin