Scuola, Amata: "Tante criticità e situazioni vergognose" :ilSicilia.it

la parlamentare di FdI attacca il governo Conte

Scuola, Amata: “Tante criticità e situazioni vergognose”

di
15 Settembre 2020

All’insegna di tante incertezze è iniziato il nuovo anno scolastico e la parlamentare siciliana di Fratelli d’Italia Elvira Amata evidenzia le “troppe criticità ancora irrisolte da parte del Governo Conte”, che rischiano di riflettersi in termini pesanti sull’andamento della situazione in tutto il Paese e dunque anche nel territorio siciliano.

“Nelle scorse ore sono tornati tra i banchi solo una parte dei 717.000 studenti siciliani, solo una parte della totalità, in virtù della possibilità di deroga al 24 settembre opportunamente concessa dal Presidente Nello Musumeci – afferma l’on. Amata -. Ho avuto modo di sentire tanti tra insegnanti e dirigenti scolastici durante tutta la giornata di lunedì: voglio ringraziarli come mamma e come membro delle istituzioni. Il loro impegno e la loro serietà nell’affrontare una situazione come questa sono esemplari. Purtroppo dal Ministero dell’Istruzione si continua a sostenere che tutto stia andando per il meglio ma i numeri non sono buoni: carenze di docenti e personale Ata; su centinaia di migliaia di banchi monoposto richiesti dalla Sicilia, ad ora, solo qualche centinaio è arrivato a destinazione”.

“Tante le situazioni difficili, alcune delle quali vergognose oltre ogni limite di accettazione. Come quella dello studente di Pisa, con sindrome di down, rimasto a casa perché, a causa del Covid-19, non è stata nominata la maestra di sostegno che avrebbe dovuto assisterlo nel fondamentale passaggio della prima elementare”.

“Fratelli d’Italia aveva presentato un pacchetto di emendamento per scongiurare questa emergenza ma sono stati cestinati. Avrebbero dovuto garantire l’inclusione degli studenti fragili e aiutare le famiglie, me le risposte sono state solo due: esclusione e isolamento”. 

Così l’onorevole Amata richiama le parole del leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, e avverte l’esecutivo giallorosso: “In Italia mancano 150mila docenti e 20mila tra amministrativi e tecnici. Aspettiamo un segnale dal Governo nazionale – ha quasi del sarcastico la cosa – e applaudiamo al grande senso di responsabilità di chi, seppur con pochi strumenti, fa del proprio meglio”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin