Scuola dell’Infanzia, la denuncia dei docenti: “Siamo stati abbandonati dalla politica” [VIDEO] :ilSicilia.it
Palermo

L'appello alla Regione

Scuola dell’Infanzia, la denuncia dei docenti: “Siamo stati abbandonati dalla politica” [VIDEO]

16 Novembre 2017

Palermo – Continuano i disagi dei docenti precari della Graduatoria ad Esaurimento (Gae) Infanzia della Regione Sicilia.

Un trattamento di discriminazione”, incalzano le insegnanti del Comitato di Tutela, che aggiungono: “Siamo state dimenticate dal piano straordinario di assunzioni ed abbandonate dalla politica. Abbiamo deciso di unire le nostre forze per manifestare i disagi, non solo di noi precarie storiche,  ma anche dei  bambini e delle famiglie”.

La Graduatoria ad Esaurimento – puntualizza Daniela Cinquemani del Comitato di Tutela – deve avere la priorità, uno Stato che non investe sull’istruzione ha già fallito in partenza. Non possiamo accontentarci delle briciole. Dobbiamo mettere al primo posto il diritto allo studio e il diritto al lavoro. Ci rivolgiamo – aggiunge –  al governo regionale: attivi subito il Tempo pieno di 40 ore settimanali, come in tutte le altre realtà d’Italia, per migliorare l’offerta formativa e per assorbire le docenti ancora presenti nelle Gae d’infanzia. Chiediamo che venga previsto un organico di potenziamento e che i nostri diritti acquisiti vengano rispettati”.

Tra le problematiche manifestate ci sono quelle relative alle cosiddette “sezioni pollaio”. “L’organico di potenziamento consentirebbe anche di supplire i docenti assenti, evitando gli smistamenti dei bambini nelle altre sezioni. Le classi risultano, il più delle volte, strapiene e, accogliendo gli alunni provenienti da altre sezioni che si ritrovano quindi senza insegnanti, non possono affatto essere considerate degli ambienti funzionali allo svolgimento delle ore scolastiche”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.