Scuola dell’Infanzia, la denuncia dei docenti: “Siamo stati abbandonati dalla politica” [VIDEO] :ilSicilia.it
Palermo

L'appello alla Regione

Scuola dell’Infanzia, la denuncia dei docenti: “Siamo stati abbandonati dalla politica” [VIDEO]

di
16 Novembre 2017

Palermo – Continuano i disagi dei docenti precari della Graduatoria ad Esaurimento (Gae) Infanzia della Regione Sicilia.

Un trattamento di discriminazione”, incalzano le insegnanti del Comitato di Tutela, che aggiungono: “Siamo state dimenticate dal piano straordinario di assunzioni ed abbandonate dalla politica. Abbiamo deciso di unire le nostre forze per manifestare i disagi, non solo di noi precarie storiche,  ma anche dei  bambini e delle famiglie”.

La Graduatoria ad Esaurimento – puntualizza Daniela Cinquemani del Comitato di Tutela – deve avere la priorità, uno Stato che non investe sull’istruzione ha già fallito in partenza. Non possiamo accontentarci delle briciole. Dobbiamo mettere al primo posto il diritto allo studio e il diritto al lavoro. Ci rivolgiamo – aggiunge –  al governo regionale: attivi subito il Tempo pieno di 40 ore settimanali, come in tutte le altre realtà d’Italia, per migliorare l’offerta formativa e per assorbire le docenti ancora presenti nelle Gae d’infanzia. Chiediamo che venga previsto un organico di potenziamento e che i nostri diritti acquisiti vengano rispettati”.

Tra le problematiche manifestate ci sono quelle relative alle cosiddette “sezioni pollaio”. “L’organico di potenziamento consentirebbe anche di supplire i docenti assenti, evitando gli smistamenti dei bambini nelle altre sezioni. Le classi risultano, il più delle volte, strapiene e, accogliendo gli alunni provenienti da altre sezioni che si ritrovano quindi senza insegnanti, non possono affatto essere considerate degli ambienti funzionali allo svolgimento delle ore scolastiche”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.