Scuola: docenti abilitati rischiano la cancellazione dalle graduatorie :ilSicilia.it

I sindacati annunciano battaglia

Scuola: docenti abilitati rischiano la cancellazione dalle graduatorie

di
4 Aprile 2018

Il concorso riservato ai docenti abilitati, che si concluderà entro l’estate prossima, rischia di trasformarsi in una beffa per migliaia di partecipanti. La sottoscrizione del contratto per la partecipazione all’ultimo anno del percorso di Formazione iniziale e tirocinio (Fit), propedeutico al passaggio di ruolo, prevede la cancellazione da tutte le graduatorie nelle quali sono attualmente inseriti, da quelle ad esaurimento a quelle d’istituto e finanche da quella di merito dei vincitori di concorso del 2016.

Questo vuol dire, da un lato, annullare in un solo colpo la possibilità, finora garantita, di avere più opzioni di scelta per insegnare, mentre, dall’altro, far uscire fuori dal sistema scolastico tutti coloro che non superano il terzo anno di Fit. Il percorso, infatti, non è ripetibile. Un boomerang che potrebbe abbattersi sui tanti docenti, soprattutto del Sud e della Sicilia, che attraverso il riposizionamento speravano di avvicinarsi verso casa. Una speranza ulteriormente tradita dalla recente distribuzione dei nuovi posti fatta dal Miur.

Il pericolo era stato più volte denunciato dai sindacati che, a tal proposito, avevano chiesto un parere al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, il quale si era pronunciato favorevolmente. Tuttavia il Miur ha ignorato sia il parere sia le preoccupazioni delle organizzazioni sindacali, che adesso annunciano ricorsi e battaglie giudiziarie contro le disposizioni del d.lgs. 59/2017 .

“Ancora una volta – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal l’amministrazione introduce una procedura che anziche’ dare maggiori opportunita’ di stabilizzazione ai docenti, dando loro la possibilita’ di essere immessi in ruolo attraverso piu’ graduatorie e liste di attesa che ogni precario si e’ faticosamente conquistato, decide in modo unilaterale e sorprendente di resettare tutto e ripartire daccapo, con le nuove graduatorie che si andranno a determinare a seguito del periodo di Formazione iniziale e tirocinio. Secondo noi, stiamo assistendo all’ennesimo errore, a danno di chi chiede solo di svolgere questa professione a tempo indeterminato. E’ chiaro che non staremo a guardare: abbiamo gia’ predisposto un ricorso apposito, per opporci a tali cancellazioni illegittime”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.