Scuola, Lagalla: "In Sicilia le sezioni primavera diventano 308" :ilSicilia.it

l'annuncio

Scuola, Lagalla: “In Sicilia le sezioni primavera diventano 308”

di
7 Dicembre 2021

L’assessorato regionale all‘Istruzione e alla Formazione professionale promuove ulteriori 84 nuove sezioni primavera che si aggiungono alle 224 ad oggi attive sul territorio siciliano per l’anno scolastico in corso e che ogni giorno accolgono i bambini dai 24 ai 36 mesi. L’intervento rientra nell’ambito del piano di finanziamento per il sistema integrato di educazione e d’istruzione 3-6 anni. La graduatoria provvisoria è in corso di pubblicazione.

«Per il sistema integrato dell’infanzia, l’assessorato ha stanziato 12 milioni di euro – spiega l’assessore Roberto Lagallada destinare alle sezioni primavera e alla scuola 3-6 anni. Grazie a questi interventi, siamo oggi in grado di soddisfare l’accresciuto fabbisogno regionale, rispondendo positivamente alla richiesta di tante famiglie siciliane. Tengo a sottolineare che, secondo l’ultimo monitoraggio ministeriale, la Sicilia, rispetto al numero di sezioni attivate, è seconda solo alla Lombardia che supera le 400. Tutto quanto sopra conferma, ancora una volta, l’impegno del governo Musumeci nella valorizzazione dei processi di scolarizzazione, a partire dalla prima infanzia».

Le sezioni primavera offrono ai bambini al di sotto dei tre anni di età un qualificato momento di preparazione e introduzione al processo di scolarizzazione, favorendo un’effettiva continuità del percorso formativo e fornendo una concreta risposta alla crescente domanda di servizi educativi, soprattutto per bambini tra 24 e 36 mesi.

Grazie all’impegno della Regione Siciliana nella valorizzazione del nuovo sistema educativo 0-6 anni, nella provincia di Agrigento vengono introdotte ulteriori 5 sezioni primavera, che si aggiungono alle 29 già attive sul territorio, per un totale di 34; nel Nisseno, oltre alle 10 ad oggi in funzione, se ne aggiungono 8, con un’offerta complessiva di 18 sezioni primavera; a Catania diventano 46, perché alle 35 sezioni già esistenti se ne aggiungono 11.

Nuove sezioni primavera saranno attivate anche nella provincia di Messina per un totale di 30 sul territorio, delle quali 8 di prossima apertura. A Palermo, dove il numero di sezioni esistenti è pari a 94, essendo il fabbisogno particolarmente elevato, ne saranno aperte altre 35, per un totale di 129. Nel Ragusano se ne aggiungono 6, per un totale di 11 mentre nel Siracusano diventano 18, grazie alle 5 sezioni di prossima introduzione. Ulteriori 6 nuove sezioni saranno aperte, invece, nel Trapanese, che si aggiungono alle 13 già avviate e, infine, nella provincia di Enna operano 3 sezioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.