Scuola, Pistorino (Flc Cgil): "Diploma in 4 anni è una sciagura, a rischio 4.000 posti" :ilSicilia.it
Palermo

"Strada da seguire è diametralmente opposta"

Scuola, Pistorino (Flc Cgil): “Diploma in 4 anni è una sciagura, a rischio 4.000 posti”

di
3 Gennaio 2018

La sperimentazione voluta dal Miur per la riduzione a quattro anni del ciclo di studi nei licei e negli istituti tecnici è una vera e propria sciagura, sia per gli studenti che per il personale della scuola. Se dovesse entrare a regime solo in Sicilia sarebbero a rischio circa 4 mila posti di insegnamento sui 20 mila attualmente funzionanti presso le scuole secondarie superiori. Ripercussioni anche sul personale Ata“. Lo afferma Graziamaria Pistorino, segretaria della Flc Cgil Sicilia, commentando il giudizio positivo espresso qualche giorno fa dall’assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale della Regione Siciliana, Roberto Lagalla, in merito alla sperimentazione voluta dal Miur.

Sui 100 istituti inizialmente coinvolti a livello nazionale dal progetto pilota quattro sono siciliani: il liceo Gonzaga di Palermo, lo scientifico Ruiz di Augusta, il classico Ruggero Settimo e il liceo scientifico Sebastiano Mottura di Caltanissetta. Inoltre, il Ministero vorrebbe estendere la sperimentazione ad altre 92 scuole.

In questo modo – commenta la Pistorino – si assottiglia il percorso educativo e formativo dei nostri ragazzi, nonché dell’organico attuale. Il governo avrebbe potuto benissimo accorciare l’età scolastica in uscita e allungare quella in entrata, rimodulando in modo coerente l’intero corso di studi, ma non lo ha fatto. Altro che innovazione, siamo di fronte ad un’operazione priva del benché minimo valore scientifico dal punto di vista pedagogico-didattico. Questa sperimentazione appare più come il malcelato tentativo di ridurre la spesa a scapito della quantità e della qualità dell’offerta formativa. Un tradimento, a nostro parere, del diritto all’istruzione sancito dalla nostra Costituzione, proprio nell’anno del 70° anniversario della sua nascita. Per questo come Flc Cgil abbiamo chiesto l’annullamento in via giudiziaria dei provvedimenti del Miur“.

La strada da seguire – conclude la segretaria della Flc Cgil Sicilia – è diametralmente opposta a quella tracciata dal Ministero. In una terra complessa come la Sicilia abbiamo più volte ribadito l’estremo bisogno di ampliare il tempo scuola e il tempo pieno, non di ridurlo. Ci auguriamo, pertanto, che l’assessore Lagalla riconsideri le sue posizioni e si faccia portavoce a Roma delle perplessità condivise dalla maggioranza degli studenti e del personale della scuola“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin