Scuola: sit-in degli ex cococo al Miur, 500 sono siciliani | Video :ilSicilia.it

Chiedono le 36 ore di lavoro settimanali

Scuola: sit-in degli ex cococo al Miur, 500 sono siciliani | Video

20 Dicembre 2018

Guarda il video in alto

Si definiscono “lavoratori a metà”, costretti dallo Stato a fare la fame. Sono gli 800 ex cococo della scuola, amministrativi, tecnici e ausiliari, stabilizzati lo scorso anno, dopo decenni di precariato, ma con un contratto di sole 16 ore di lavoro a settimana. Un part time che a fine mese gli consente di percepire in media uno stipendio di 670 euro.

Di questi lavoratori la maggior parte, circa 500, sono siciliani e ieri sono partiti con un pullman, organizzato dalla Flc Cgil regionale, per raggiungere Roma e protestare davanti alla sede del Ministero dell’istruzione. “Vogliamo essere ancora in piazza – ha dichiarato Graziamaria Pistorino, segretaria della Flc Cgil Sicilia ancora a manifestare per difendere i precari, per difendere i lavoratori della scuola, per difendere anche chi è stato stabilizzato e solo part time, come gli ex cococo”.

Al governo, che si accinge a definire la manovra finanziaria, chiedono le 36 ore di lavoro settimanali, come tutti gli altri dipendenti pubblici a tempo pieno. I vertici del Miur alcune settimane fa avevano manifestato ai sindacati la loro disponibilità a discutere del problema, coscienti del fatto che questi dipendenti pur lavorando per la pubblica amministrazione vivono una forte condizione di disagio economico. Tuttavia i paletti alla spesa messi dal Ministero dell’economia hanno di fatto sbarrato la strada alle loro legittime rivendicazioni.

Così su pressione dei sindacati alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle, dai banchi della maggioranza, e di Liberi e Uguali, da quelli dell’opposizione, hanno presentato ognuno un loro emendamento. Le speranze però sono ridotte al lumicino, perchè nell’ambito dei lavori parlamentari il primo è stato trasformato in ordine del giorno e quindi in un mero impegno del governo ad affrontare in futuro la questione. Il secondo, invece, pur rimanendo in piedi, difficilmente sarà approvato dall’Aula o perchè il parere del governo sarà sicuramente sfavorevole o perchè l’esecutivo blinderà il testo della legge mettendo la fiducia.

Nel frattempo i rappresentanti della Flc Cgil stanno incontrando i dirigenti del Ministero e una delegazione di senatori del M5S per capire se ci sono ancora spazi di manovra.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.