Scuola: sit-in degli ex cococo al Miur, 500 sono siciliani | Video :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

Chiedono le 36 ore di lavoro settimanali

Scuola: sit-in degli ex cococo al Miur, 500 sono siciliani | Video

di
20 Dicembre 2018

Guarda il video in alto

Si definiscono “lavoratori a metà”, costretti dallo Stato a fare la fame. Sono gli 800 ex cococo della scuola, amministrativi, tecnici e ausiliari, stabilizzati lo scorso anno, dopo decenni di precariato, ma con un contratto di sole 16 ore di lavoro a settimana. Un part time che a fine mese gli consente di percepire in media uno stipendio di 670 euro.

Di questi lavoratori la maggior parte, circa 500, sono siciliani e ieri sono partiti con un pullman, organizzato dalla Flc Cgil regionale, per raggiungere Roma e protestare davanti alla sede del Ministero dell’istruzione. “Vogliamo essere ancora in piazza – ha dichiarato Graziamaria Pistorino, segretaria della Flc Cgil Sicilia ancora a manifestare per difendere i precari, per difendere i lavoratori della scuola, per difendere anche chi è stato stabilizzato e solo part time, come gli ex cococo”.

Al governo, che si accinge a definire la manovra finanziaria, chiedono le 36 ore di lavoro settimanali, come tutti gli altri dipendenti pubblici a tempo pieno. I vertici del Miur alcune settimane fa avevano manifestato ai sindacati la loro disponibilità a discutere del problema, coscienti del fatto che questi dipendenti pur lavorando per la pubblica amministrazione vivono una forte condizione di disagio economico. Tuttavia i paletti alla spesa messi dal Ministero dell’economia hanno di fatto sbarrato la strada alle loro legittime rivendicazioni.

Così su pressione dei sindacati alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle, dai banchi della maggioranza, e di Liberi e Uguali, da quelli dell’opposizione, hanno presentato ognuno un loro emendamento. Le speranze però sono ridotte al lumicino, perchè nell’ambito dei lavori parlamentari il primo è stato trasformato in ordine del giorno e quindi in un mero impegno del governo ad affrontare in futuro la questione. Il secondo, invece, pur rimanendo in piedi, difficilmente sarà approvato dall’Aula o perchè il parere del governo sarà sicuramente sfavorevole o perchè l’esecutivo blinderà il testo della legge mettendo la fiducia.

Nel frattempo i rappresentanti della Flc Cgil stanno incontrando i dirigenti del Ministero e una delegazione di senatori del M5S per capire se ci sono ancora spazi di manovra.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco