Scuola, terzo anno col Covid. Bianchi: "E' difficile ma in aula" :ilSicilia.it

la dichiarazione del ministro dell'Istruzione

Scuola, terzo anno col Covid. Bianchi: “E’ difficile ma in aula”

di
7 Settembre 2021

Sarà un “anno difficile, dobbiamo essere in allerta” ma con gli investimenti previsti “saremo in grado di gestire la presenza, che è necessaria“. Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi fa il punto alla Camera e al Senato, delle misure messe in campo in questi mesi per la ripartenza della scuola, ripresa ieri in Alto Adige e dal 13 settembre al via nella gran parte delle regioni italiane.

Il ministro torna sulla controversa questione dell’eliminazione delle mascherine nel caso di classi completamente vaccinate e spiega che “stiamo ragionando sulle linee guida, quando sarà l’ora accompagneremo i presidi nella gestione di queste situazioni, nessun dirigente scolastico sarà abbandonato“. Ai senatori che gli fanno notare che la misura potrebbe essere discriminatoria, assicura che non lo sarà ma aggiunge che “il Parlamento è sovrano, laddove ritenete che non sia un invito a vaccinarsi ma che possa essere lesivo, la materia è nelle vostre mani“. Il consigliere del ministro della Salute, Walter Ricciardi, intanto dice che la mascherina a scuola andrà tenuta ancora, “perché anche i vaccinati, in misura molto minore e senza conseguenze gravi, possono comunque trasmettere l’infezione“.

Il ministro Bianchi promuove a pieni voti i test salivari e si augura che vengano estesi oltre le ‘scuole sentinella’, ottenendo subito il plauso di FdI e del sottosegretario della Lega Rossano Sasso, il quale chiede che se ne facciano 500 mila a settimana (al momento ne sono previsti 110 mila al mese). E soprattutto fa notare come per la prima volta nella storia recente le cattedre non siano state assegnate il 1 settembre ma ben 40 giorni prima, tanto che il primo giorno di scuola tutti gli 857 mila insegnanti saranno regolarmente in cattedra, tranne per le supplenze brevi, di cui si occuperanno i dirigenti scolastici. Due miliardi sono stati investiti per riaprire le scuole in sicurezza, ricorda il titolare del Ministero di viale Trastevere, e i soldi potranno essere impegnati anche per impianti moderni di aereazione “perchè un conto è tenere aperte le finestre in inverno in Sicilia, altro è tenerle aperte a Bolzano“.

Il 13 settembre, come promesso, partirà la piattaforma per il controllo del green pass al personale scolastico, “è pronta dal 4 settembre ma Sogei si è presa il tempo per il collaudo“. All’inizio del prossimo anno invece, si terrà una Conferenza nazionale sulla scuola, una sorta di Stati generali “dopo 30 anni da quelli che l’allora ministro Mattarella organizzò negli anni Novanta“. Anche il Commissario per l’emergenza Covid Figliuolo oggi in visita all’hub vaccinale della Asl di Rieti presso lo stabilimento Amazon di Passo Corese, sottolinea l’importanza della scuola in presenza, “è importante per lo sviluppo sociale e culturale dei nostri giovani, anche per un senso di equità e perché c’è il valore aggiunto della socializzazione. I ragazzi hanno bisogno e meritano la scuola in presenza“.

Il 92% del personale scolastico e il 70% dei ragazzi tra i 16 e i 19 anni risultano vaccinati.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.