Scuole fatiscenti, tempo ridotto, personale precario: anno nuovo, problemi vecchi in Sicilia :ilSicilia.it

Il monito dei sindacati

Scuole fatiscenti, tempo ridotto, personale precario: anno nuovo, problemi vecchi in Sicilia

di
11 Settembre 2018

L’inizio del nuovo anno scolastico in Sicilia, previsto per domani, mercoledì 12 settembre, viene salutato dai sindacati con un duro monito alle istituzioni nazionali e locali affinché si diano da fare per cominciare a curare, una volta per tutte, le patologie di cui è affetta la scuola siciliana e meridionale: strutture fatiscenti, locali inadeguati, tempo scuola ridotto, personale costretto a lavorare nella precarietà.

Mali che si trascinano da tempo e che i vari governi di qualsiasi colore politico non hanno mai voluto o saputo debellare. Anzi in alcune occasioni hanno peggiorato la situazione. È ancora viva la delusione provata dagli addetti ai lavori nei confronti della legge cosiddetta della “Buona scuola”, varato nel 2016 dal governo Renzi. A meno di 24 ore dal suono della prima campanella Flc Cgil e Cisl Scuola sottolineano lo stato di difficoltà nel quale si trova la scuola siciliana.

Per Graziamaria Pistorino, infatti, “il quadro è drammatico: l’80% dei nostri edifici scolastici non è in regola con la normativa e non dispone delle strutture idonee allo svolgimento delle attività didattiche; siamo tra le ultime regioni italiane per tempo pieno erogato, con un misero 7%, niente a che vedere con il 53% della Lombardia; sono circa 7.000 i posti di insegnamento di sostegno e ben 8.167 i posti di personale amministrativo tecnico e ausiliario che ancora oggi attendono di essere stabilizzati”.

Graziamaria Pistorino

“È evidente che questa situazione – continua – va a scapito degli studenti, oltre che di tutto il personale della scuola. Per questo rivolgiamo l’ennesimo appello al ministro dell’istruzione e alla deputazione siciliana a Roma affinché sia varato un Piano Marshall per la scuola al Sud che cominci a dare risposte serie e concrete per il futuro dei nostri giovani e dello stesso Mezzogiorno”.

Dello stesso tono il commento di Francesca Bellia. “Parte un altro anno scolastico. Vorremmo augurare una ‘buona scuola a tutti’, purtroppo prevale la consapevolezza che ripartiamo con i problemi di sempre, antichi e strutturali, non affrontati~irrisolti rendendo ancora ancora più fragile e precario il sistema scolastico in cui operiamo. Una fragilità che in Sicilia si manifesta in modo più pesante ed evidente più che in altre parti del Paese”.

C’è poco, quindi, da essere ottimisti. “Su questo vorremmo ci fosse più consapevolezza e responsabilità da parte di tutti: Governi nazionali e regionali, Enti Locali, autorità scolastiche e istituzioni”.

L’augurio di un buon anno scolastico agli studenti e al personale, per Flc Cgil e Cisl Scuola, non può che coniugarsi con una presa di coscienza da parte della politica e un’inversione di rotta“Continuiamo a immaginare che attorno a un progetto di rilancio della scuola è possibile ricostruire un nuovo positivo e costruttivo clima nel Paese”, conclude Bellia. “La scuola non è solo un servizio, la scuola è bene comune. Una leva essenziale per costruire nel futuro. Porteremo avanti le nostre proposte, presseremo, pretenderemo che sulle esigenze della scuola si realizzi un patto di azioni comuni per affrontare finalmente le giuste priorità senza più disperdere tempo e risorse”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.