21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.23
Agrigento

La nave è stata posta sotto sequestro

Sea Watch, il procuratore fa sbarcare i migranti, Salvini: “Ha commesso reato”

20 Maggio 2019

“Il procuratore della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio che ha disposto di far scendere i migranti della Sea Watch 3 ed il loro trasferimento al porto di Licata, è quello che ha indagato me per sequestro di persona. Io non cambio idea. Se questo procuratore vuol fare il ministro degli Interni, si candida alle prossime elezioni e provi a diventare ministro”.

Lo ha detto il vicepremier e ministro degli Interni Matteo Salvini ospite del programma ‘Non è l’arena” su ‘La 7’, commentando l’avvenuto sbarco dei migranti dalla nave Sea Watch 3, posta sotto sequestro poche ore prima.

“Prendo atto di quanto ha deciso il procuratore della Repubblica di Agrigento, approfondiremo la possibilità di reato di favoreggiamento dell’immigrazione di chiunque favorisca l’operazione di sbarco” degli immigrati dalla Sea Watch 3″. 

“Io sono il ministro delle regole e dei porti chiusi. Se qualche ministro dei 5 stelle ha autorizzato lo sbarco ne risponderà davanti agli italiani. Siamo un Paese sovrano con leggi, regole, una storia e nessuna associazione privata se ne può disinteressare. Qualcuno quell’ordine lo avrà dato. Questo qualcuno ne deve rispondere”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.