20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.44
Agrigento

l'udienza è durata tre ore

Sea Watch, interrogatorio concluso per la Rackete: si attende la decisione del gip

1 Luglio 2019

E’ finita dopo circa 3 ore l’udienza di convalida, davanti al gip Alessandra Vella, dell’arresto del comandante della Sea Watch3, Carola Rackete.
L’ordinanza sarà emessa domani 2 luglio.

RacketeLa trentunenne tedesca resta, intanto, agli arresti domiciliari in un’abitazione privata di Agrigento. Il 29 giugno aveva attraccato a Lampedusa, dopo aver forzato il blocco della guardia di finanza, al comando di una nave con 42 migranti a bordo.

Credevo che la motovedetta si spostasse, non volevo colpirli”, ha detto durante l’interrogatorio al giudice per le indagini preliminari.

Di parere opposto il procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio che, a udienza terminata, ha affermato che “Non è stata un’azione necessitata. Non c’era uno stato di necessità poiché la Sea Watch attraccata alla fonda aveva ricevuto, nei giorni precedenti, assistenza medica ed era in continuo contatto con le autorità militari per ogni tipo di assistenza, per cui, per il divieto imposto dalla Guardia di finanza di attraccare, non si versava in stato di necessità”.

“Dalla giustizia mi aspetto pene severe per chi ha attentato alla vita di militari italiani e ha ignorato ripetutamente le nostre leggi. Dagli altri Paesi europei, Germania e Francia in primis, mi aspetto silenzio e rispetto. In ogni caso, siamo comunque pronti ad espellere la ricca fuorilegge tedesca”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini, pochi minuti dopo la fine dell’interrogatorio della Rackete.

Il procuratore aggiunto di Agrigento, Salvatore Vella, l’ha convocata per il 9 luglio, per rendere interrogatorio in qualità di indagata per l’ipotesi di reato di favoreggiamento dell‘immigrazione clandestina. Si tratta del primo fascicolo aperto nel quale viene contestata anche la “disobbedienza a nave da guerra”, che scaturisce dall’avere violato il divieto di ingresso in acque italiane trasportando i migranti.

 

LEGGI ANCHE:

Sea watch: la Rackete davanti al gip, chiesto il divieto di dimora ad Agrigento

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.