Sea Watch, la tesi di Orlando: "Il governo insulta il diritto" :ilSicilia.it

l'affondo del sindaco di palermo

Sea Watch, la tesi di Orlando: “Il governo insulta il diritto”

26 Giugno 2019

“Il governo nazionale, con la maschera del ministro dell’Interno e con l’approccio disumano che vuole criminalizzare chi salva vite umane in mare, agisce in spregio ed è ormai esso stesso un insulto alla storia, alla cultura e al diritto dell’Italia e degli Italiani”. Così sui social il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, commentando la situazione della nave Sea-Watch che ha forzato un blocco navale per approdare a Lampedusa con a bordo 42 migranti.

L’unico attracco possibile, viste le dimensioni dell’imbarcazione, è il molo commerciale ed è previsto per le 20,30 del 26 giugno. Non è escluso che i 42 migranti a bordo vengano prima trasferiti sulle motovedette della Capitaneria e portati a terra.

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, tra le altre cose, ha affermato che la Sea Watch “ha commesso due reati: il primo entrando in acque italiane andando contro il provvedimento firmato da me e dai miei colleghi Trenta e Toninelli che negava il transito alla nave; il secondo con il rifiuto a fermarsi all’alt intimato dalla Guardia di finanza. E’ come se uno non si fermasse davanti ad un blocco stradale; in questo caso viene subito arrestato. Mi auguro che chi di dovere intervenga su questi fuorilegge”. 

 

LEGGI ANCHE:

La “Sea watch” entra in acque italiane, Salvini: “Schiero la forza pubblica”

 

Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Come se fosse Antani

Da oggi un nuovo blog s unisce a quelli già esistenti. Si intitola "Come se fosse Antani", con un riferimento più che esplicito al celebre film. "Amici miei". E' il blog di Giovanna Di Marco