Sea Watch, Magistro: "La Sicilia è una colonia, senza autorità destinati a fallire" :ilSicilia.it

IL COMMENTO SUL CASO

Sea Watch, Magistro: “La Sicilia è una colonia, senza autorità destinati a fallire”

27 Febbraio 2020

Il presidente della Consulta giovanile Alessandro Magistro, commenta così lo sbarco della nave Sea Watch nel porto di Messina.

LE PAROLE DI MAGISTRO

Ma la nostra Sicilia, quanto conta? Ieri un Presidente di Regione a Statuto Speciale sul caso Sea Watch dice ‘non si sbarca’ per motivi sanitari, in quanto non sappiamo chi a bordo potrebbe aver contratto il Coronavirus. Risultato? Stamani, chi era a bordo sbarca ugualmente“, sottolinea Magistro.

Un Paese senza autorità è destinato a fallire. La Sicilia evidentemente continua ad essere solo un colonia, ininfluente sia a livello nazionale che estero, non esiste altra spiegazione”.

“Non è possibile vedere il resto dell’Italia in isolamento anche per casi sospetti – conclude il presidente della Consulta Giovanile – mentre in Sicilia i migranti, seppure in evidenti difficoltà, potrebbero mettere a rischio la vita di chi li soccorre, del personale sanitario in prima linea e dalle forze dell’ordine. Si all’accoglienza, ma con responsabilità e senza rischiare nessuna vita”.

Tag:

La pittrice della Via Crucis | LE FOTO

Con questo bell'articolo sulla pittrice Maria Pia De Angelis si inaugura oggi "L'Occhiotriquetro - note e postille", la nuova rubrica di Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell'arte, nonché presidente de "Gli Amici del Teatro Biondo" e presidente onorario di "Italia Nostra Palermo"
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Ad Alimena la Misericordia cuce le mascherine per tutti

La Misericordia di Alimena, che da anni opera nel sociale ed è fautrice di tante belle iniziative, ha iniziato a produrre le mascherine. Saranno distribuite gratuitamente a chi ne farà richiesta e sono già state stilate diverse liste per andare incontro soprattutto alle esigenze di tanti anziani.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona