14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.41
Siracusa

Ad Agorà su Rai Tre

Sea Watch vicina alla Sicilia, il sindaco di Siracusa: “Pronti ad accogliere noi i migranti”

25 Gennaio 2019

“Per la parte che riguarda noi, per ciò che concerne l’assistenza di queste persone Siracusa è pronta e disponibile. E’ chiaro che l’autorizzazione all’attracco non viene data dal sindaco”. Queste le parole del sindaco di Siracusa Francesco Italia, ad Agorà Rai Tre, sulla situazione della nave Sea Watch, con 47 migranti a bordo, a un miglio da Siracusa.

francesco-italia
Francesco Italia

A fargli eco anche l’arcivescovo di Siracusa, Mons. Salvatore Pappalardo“Posso solo dire che di fronte a persone che rischiano la vita, ognuno di noi, per la propria parte, si deve attivare per assicurare la migliore accoglienza e la salvaguardia della vita. Ho appreso che il sindaco ha dato la propria disponibilità per accogliere i migranti e questo fa onore alla città di Siracusa. Speriamo che la vicenda si risolva al meglio, non possiamo pensare che queste persone non abbiano alcun diritto, tra cui il diritto alla vita, all’accoglienza. Per cui quello che é nelle nostre possibilità va fatto. Mi auguro che in alto loco si pensi in maniera corretta”. La Diocesi ha dato dunque la disponibilità all’accoglienza dei migranti.

Intanto il comandante generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Giovanni Pettorino spiega che la nave “si è ridossata l’altra notte in prossimità delle coste della Sicilia perché c’era cattivo tempo. Al momento si trova in rada, fuori dal porto di Siracusa in attesa degli sviluppi”.

“Per riparare dalle condizioni meteo in ulteriore peggioramento – scrive Sea Watch in un tweet – ci hanno assegnato un ‘posto di fonda’ a 1,4 miglia dal porto di Augusta, Marina di Melilli, Siracusa. Un ‘posto di fonda’ invece di un Pos”.

 

LEGGI ANCHE:

Chi è Italia, nuovo sindaco di Siracusa. Ecco la sua giunta

 

 

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.