Sebastiano Tusa a "En Kai Pan": "Separare la gestione della cultura dall'appartenenza politica" | VIDEO :ilSicilia.it

Sebastiano Tusa a “En Kai Pan”: “Separare la gestione della cultura dall’appartenenza politica” | VIDEO

di
15 Novembre 2018

Guarda il video dell’undicesima puntata in alto

Undicesima puntata per “En kai pan“. Ospite nella nostra rubrica di approfondimento culturale de ilSicilia.it è Sebastiano Tusa, archeologo, fine studioso, già sovrintendente del mare e attuale assessore regionale ai Beni culturali della Regione.

Il suo sguardo di studioso si è posato fin dalle sue prime ricerche anche sulla Preistoria, fondamentale per capire molto delle culture e dei popoli: “La preistoria – dice – mi ha appassionato da sempre, ma mi ha appassionato soprattutto il fatto che dal momento in cui si studia preistoria ci si avvicina molto alle società primitive e anche attuali. Siccome per me è stato sempre fondamentale il confronto con il contemporaneo, è evidente che l’archeologia vista con una prospettiva antropologica mi ha sempre intrigato. E poi mi ha sempre appassionato l’Oriente. Un mondo che ho avuto la fortuna di vedere negli anni Settanta, ma che ormai è stato profondamente sconvolto a causa dell’Occidente: con le guerre, con il profitto e con una pseudo-modernizzazione”. Tusa racconta a questo proposito anche di una ricerca compiuta in Iraq, prima che questo Paese fosse sconvolto dalla guerra, con tutte le conseguenze devastanti che questa ha avuto sui siti archeologici e culturali.

Pes -TusaSebastiano Tusa da qualche tempo è assessore della Regione Siciliana, gli abbiamo chiesto quali siano i suoi desideri e gli intenti che intende perseguire al governo: “I desideri sono tantissimi e ovviamente si scontrano con una realtà difficile dal punto di vista politico, economico e burocratico – sottolinea –Vorrei riportare il senso, l’andamento di un settore quale quello dei beni culturali che, è inutile dirlo, riguardano una regione la cui stratificazione culturale è unica al mondo, così ricca, complessa e articolata. Vorrei riportare tutto nei binari di una professionalità e scientificità: in sostanza, cercare di evitare che i centri decisionali delle varie strutture dei parchi archeologici, del dipartimento, delle strutture museali, siano gestiti e governati sulla base di principi di carattere esclusivamente politico e di appartenenza, cosa che ha provocato i guasti che sono sotto gli occhi di tutti. Quello che sto tentando di fare è cercare di mettere le persone giuste al posto giusto, tenendo conto di un panorama che però è quello che è, perché in Sicilia scontiamo un ritardo gravissimo, visto che da anni non ci sono più stati concorsi e assunzioni, per cui la squadra di cui posso disporre è molto ridotta, nonostante alcune personalità di spicco”. 
© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro