16 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.23

Sebastiano Tusa a “En Kai Pan”: “Separare la gestione della cultura dall’appartenenza politica” | VIDEO

15 Novembre 2018

Guarda il video dell’undicesima puntata in alto

Undicesima puntata per “En kai pan“. Ospite nella nostra rubrica di approfondimento culturale de ilSicilia.it è Sebastiano Tusa, archeologo, fine studioso, già sovrintendente del mare e attuale assessore regionale ai Beni culturali della Regione.

Il suo sguardo di studioso si è posato fin dalle sue prime ricerche anche sulla Preistoria, fondamentale per capire molto delle culture e dei popoli: “La preistoria – dice – mi ha appassionato da sempre, ma mi ha appassionato soprattutto il fatto che dal momento in cui si studia preistoria ci si avvicina molto alle società primitive e anche attuali. Siccome per me è stato sempre fondamentale il confronto con il contemporaneo, è evidente che l’archeologia vista con una prospettiva antropologica mi ha sempre intrigato. E poi mi ha sempre appassionato l’Oriente. Un mondo che ho avuto la fortuna di vedere negli anni Settanta, ma che ormai è stato profondamente sconvolto a causa dell’Occidente: con le guerre, con il profitto e con una pseudo-modernizzazione”. Tusa racconta a questo proposito anche di una ricerca compiuta in Iraq, prima che questo Paese fosse sconvolto dalla guerra, con tutte le conseguenze devastanti che questa ha avuto sui siti archeologici e culturali.

Pes -TusaSebastiano Tusa da qualche tempo è assessore della Regione Siciliana, gli abbiamo chiesto quali siano i suoi desideri e gli intenti che intende perseguire al governo: “I desideri sono tantissimi e ovviamente si scontrano con una realtà difficile dal punto di vista politico, economico e burocratico – sottolinea –Vorrei riportare il senso, l’andamento di un settore quale quello dei beni culturali che, è inutile dirlo, riguardano una regione la cui stratificazione culturale è unica al mondo, così ricca, complessa e articolata. Vorrei riportare tutto nei binari di una professionalità e scientificità: in sostanza, cercare di evitare che i centri decisionali delle varie strutture dei parchi archeologici, del dipartimento, delle strutture museali, siano gestiti e governati sulla base di principi di carattere esclusivamente politico e di appartenenza, cosa che ha provocato i guasti che sono sotto gli occhi di tutti. Quello che sto tentando di fare è cercare di mettere le persone giuste al posto giusto, tenendo conto di un panorama che però è quello che è, perché in Sicilia scontiamo un ritardo gravissimo, visto che da anni non ci sono più stati concorsi e assunzioni, per cui la squadra di cui posso disporre è molto ridotta, nonostante alcune personalità di spicco”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Effetto e Conseguenza

La gente si lascia trascinare nelle polemiche guardando l’effetto che si ha davanti agli occhi e non le cause che lo hanno prodotto, ossia le conseguenze che ci hanno portato a ciò. Penso al caso del campo nomadi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

Wanted perde un uomo fondamentale

Il 10 marzo del 241 a.C. la battaglia delle Egadi metteva fine alla prima guerra punica cambiando la storia del Mediterraneo con la vittoria dei Romani sui Cartaginesi.