Seconda Pasqua in lockdown, i palermitani: "Siamo stanchi" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Le interviste

Seconda Pasqua in lockdown, i palermitani: “Siamo stanchi” | VIDEO

di
4 Aprile 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Sono davvero pochi i sequel di successo. Quasi mai soddisfano le aspettative, quasi mai ottengono lo stesso favore del pubblico. Ecco perché “Pasqua in zona rossa- capitolo II”, al botteghino sarebbe un flop totale.

Metafora cinematografica a parte, questo nuovo lockdown pasquale che bissa il primo, l’inedito dello scorso 2020, mostra chiaramente i segni di insofferenza di chi vive ancora in piena pandemia.

La paura di un anno fa, lascia il posto alla rassegnazione, alla rabbia. Sembrano lontani i tempi in cui, l’unica regola era quella di restare a casa. L’atmosfera di oggi è decisamente cambiata anche perché, le regole sono cambiate. Aspettative e  restrizioni sono diverse e non è un caso se c’è chi, nel rispetto delle nuove leggi, sa che in fondo, qualche libertà in più gli è concessa.

Certo, non mancano le contestazioni. Alcuni provvedimenti in particolare, ritornano spesso protagonisti delle critiche dei cittadini. Ad esempio, per i palermitani che abbiamo intervistato, resta incomprensibile che sia consentito viaggiare all’estero ma non di spostarsi da una regione all’altra. L’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza che introduce tamponi obbligatori e quarantene anche per chi viaggia tra paesi dell’Unione europea, è arrivata in zona cesarini. Oltre a certificare un’anomalia, il provvedimento ha raddoppiato i malumori, sollevando la protesta sia dei cittadini che degli operatori turistici. L’ordinanza sarà valida fino al 6 aprile ma nel frattempo, migliaia di italiani potranno comunque partire si immagina anche, per comprovate esigenze di diletto.

Il secondo provvedimento oggetto di critica, la scelta di chiudere o aprire alcune attività. Anche in questo caso, risulta incomprensibile che, nonostante moltissime attività legate alla ristorazione, palestre, cinema e teatri si siano organizzati da tempo per rispondere alle direttive anti Covid, si trovino ancora con le saracinesche abbassate del tutto o part time. A questo proposito, molte perplessità riguardano gli orari ridotti di bar e ristoranti. Per molti si tratta solo di una movida anticipata che non esclude assembramenti, mascherine abbassate e assenza di distanziamento sociale.

Insomma, in una Palermo surreale divisa tra voglia di normalità e incertezza, il lockdown resta una soluzione accettabile solo in parte e solo dopo la recente impennata di contagi. Per il resto, i provvedimenti in vigore vengono accettati ma con riserva e con una punta di ironia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin