Seconda Pasqua in lockdown, i palermitani: "Siamo stanchi" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Le interviste

Seconda Pasqua in lockdown, i palermitani: “Siamo stanchi” | VIDEO

di
4 Aprile 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Sono davvero pochi i sequel di successo. Quasi mai soddisfano le aspettative, quasi mai ottengono lo stesso favore del pubblico. Ecco perché “Pasqua in zona rossa- capitolo II”, al botteghino sarebbe un flop totale.

Metafora cinematografica a parte, questo nuovo lockdown pasquale che bissa il primo, l’inedito dello scorso 2020, mostra chiaramente i segni di insofferenza di chi vive ancora in piena pandemia.

La paura di un anno fa, lascia il posto alla rassegnazione, alla rabbia. Sembrano lontani i tempi in cui, l’unica regola era quella di restare a casa. L’atmosfera di oggi è decisamente cambiata anche perché, le regole sono cambiate. Aspettative e  restrizioni sono diverse e non è un caso se c’è chi, nel rispetto delle nuove leggi, sa che in fondo, qualche libertà in più gli è concessa.

Certo, non mancano le contestazioni. Alcuni provvedimenti in particolare, ritornano spesso protagonisti delle critiche dei cittadini. Ad esempio, per i palermitani che abbiamo intervistato, resta incomprensibile che sia consentito viaggiare all’estero ma non di spostarsi da una regione all’altra. L’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza che introduce tamponi obbligatori e quarantene anche per chi viaggia tra paesi dell’Unione europea, è arrivata in zona cesarini. Oltre a certificare un’anomalia, il provvedimento ha raddoppiato i malumori, sollevando la protesta sia dei cittadini che degli operatori turistici. L’ordinanza sarà valida fino al 6 aprile ma nel frattempo, migliaia di italiani potranno comunque partire si immagina anche, per comprovate esigenze di diletto.

Il secondo provvedimento oggetto di critica, la scelta di chiudere o aprire alcune attività. Anche in questo caso, risulta incomprensibile che, nonostante moltissime attività legate alla ristorazione, palestre, cinema e teatri si siano organizzati da tempo per rispondere alle direttive anti Covid, si trovino ancora con le saracinesche abbassate del tutto o part time. A questo proposito, molte perplessità riguardano gli orari ridotti di bar e ristoranti. Per molti si tratta solo di una movida anticipata che non esclude assembramenti, mascherine abbassate e assenza di distanziamento sociale.

Insomma, in una Palermo surreale divisa tra voglia di normalità e incertezza, il lockdown resta una soluzione accettabile solo in parte e solo dopo la recente impennata di contagi. Per il resto, i provvedimenti in vigore vengono accettati ma con riserva e con una punta di ironia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.