“Seduto il posto accanto” :ilSicilia.it

Una vita piena di esperienze e di incontri

“Seduto il posto accanto”

di
10 Luglio 2020

Carissimi,

Vedete questa foto? Prima chiudete gli occhi, adesso la vedete? In questo gruppo io sono quello li nella sedia accanto. Una vita piena di esperienze e di incontri ma volutamente seduto nel posto accanto.

Una vita giunta ad un punto nel quale soltanto cento anni fa pochissimi potevano permettersi ……. eppure oggi parliamo di aspettative di vita fino a novanta anni e quindi facendo due calcoli se la mente mi assiste e la sorte pure, ancor prima della salute eccoci giunti a due terzi del percorso. Due terzi trascorsi li, seduti nel posto accanto. Mi è toccato osservare e gioire per gli altri, mi è toccato portare cordoglio per le disgrazie altrui, mi è toccato accompagnare e proteggere i figli degli altri, mi è toccato rimandare il pallone in campo quando questo uscito fuori è giunto davanti la mia sedia.

Si era mia la sedia accanto a colui che vinse la lotteria, quando bastava invertire i posti, ma sono certo che anche la sorte in quel caso avrebbe invertito il vincitore. Chiariamoci, la mia non era una sedia lontana dal campo, come quella di chi decide di non interessarsi della partita e non era neanche una sedia di panchina, di chi aspetta sempre di giocare e non entra mai in campo, la mia era la sedia accanto, la sedia del conforto, la mia era la sedia dello sfogo, la mia era la sedia degli errori.

Un giorno in un editoriale scritto per una rivista mensile di un compianto amico, nel commentare un’altra rivista di un altro compianto amico (fatalità) che riportava le foto delle persone più influenti del territorio con su riportato il titolo “chi conosci” con un punto interrogativo ribaltai il quesito con “quanti ti conoscono?

Li ho conosciuti tutti e mi hanno conosciuto tutti, coetanei e non, perché sedendo nella sedia accanto, e come se stessi fermo in un punto di vista euleriano dal quale tutti prima o poi devono passare, giovani con grandi ambizioni, ragazzi semplici ma brillanti, anziani delusi, uomini presi dal loro potere temporale, amici che ti vendevano facendo pure uno sconto sui trenta denari, grandi passioni, forti postume delusioni, ma io sempre li seduto nel posto accanto non ho avuto bisogno di prendere appunti, di compilare dossier, mi è bastata sempre la memoria di elefante per ricordarmi da dove venivamo e cosa siamo diventi, noi a volte “angeli con la faccia sporca”.

Per questo ho maturato forte il valore del tempo, ho maturato tanta di quella esperienza da mettere al servizio di chi è dotato di buona volontà, ma non è servito, o meglio non è stato richiesto poiché specialmente quando la sedia accanto è stata posizionata sul pianerottolo ho visto tanta di quella gente salire senza salutare e poi scendere il più delle volte voltandosi con un certo imbarazzo, altre volte ho visto gente tracotante salire e non scendere più, ma della quale anche sopra se ne è persa traccia come i tanti signor nessuno che si sono imbucati.

Quanti amici si sono seduti nella sedia vicina alla sedia accanto e hanno dimostrato profonda amicizia spentasi dopo aver brillato nello stesso tempo di un fiammifero. Quante ipocrisie, quante malvagità, quante ingiustizie si vedono dalla sedia accanto, una sedia che non conoscerà il potere del denaro, ma che possiede il vero potere di conoscere la gente dentro, nel loro animo.

E voi che fate, salite o scendete? Mi ricorderò di voi e vi chiamerò Amici, con la “A” maiuscola se lo vorrete, una volta che scendendo vi fermerete cordialmente a salutarmi, io sarò lì, nella sedia accanto.

Un abbraccio Epruno

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.