Segesta, anteprima nazionale per lo spettacolo "I ragionamenti de le Puttane" :ilSicilia.it
Trapani

All'alba del 19 agosto

Segesta, anteprima nazionale per lo spettacolo “I ragionamenti de le Puttane”

di
17 Agosto 2018

Il cartellone del Calatafimi Segesta Festival – Dionisiache 2018, manifestazione organizzata dal comune di Calatafimi Segesta in sinergia con il Parco Archeologico di Segesta, prosegue con il debutto teatrale in prima nazionale de “I ragionamenti de le Puttane“, all’alba del 19 agosto, dalle 5 del mattino, al Teatro Antico di Segesta.

giovanni-anfuso

La regia dello spettacolo è di Giovanni Anfuso: “Attratto da un canto antico, il pubblico, all’aprirsi del sipario, trova una stanza che tanto ricorda un basso napoletano – dice il regista – È la casa-stireria di una donna che vive lì con la figlia adolescente ed il suo giovane amante. Qui invita il pubblico e lo coinvolge nei suoi ragionamenti. Fa la stiratrice, o la ricamatrice. La casa è anche una bottega. Così nell’arco di una giornata, discorrendo di “Moniche, puttane e maritate”, lava, stira e rammenda vesti e paramenti sacri. La donna racconta agli spettatori, riflettendo sul futuro della figlia, la sua vita prima in convento, poi da maritata e infine da puttana“.

Il racconto, fatto con dovizia di particolari, narra degli “sconvenienti comportamenti tenuti dalle monache e delle piccanti tresche ordite dalle maritate“.

Infine la donna ricorderà la sapiente “arte” delle puttane insegnandone alla figlia le astuzie e la morale: “I vizi de le puttane sono virtù.

La particolarità del linguaggio, l’italiano antico di Pietro Aretino e del suo “Ragionamenti” a cui si ispira la pièce teatrale, dà sapore e spessore alle discrezioni scabrose e piccanti.

liliana-randi

L’opera ha già un carattere intrinsecamente teatrale – conclude Anfuso – poiché essa ha già forma di dialogo, e i personaggi Nanna, Pippa e Antonia sono personaggi teatrali, oltre che per la capacità stessa, dell’Aretino, di diventare istrione, giocoliere della parola, maniacale e funambolico cantore delle mille forme, dei mille modi, delle mille possibili definizioni di un atto sessuale. Infatti quell’enumerare interminabile ed ingordo, quell’elencare divertito e compiaciuto, altro non è che uno sguardo sul mondo, oggettivo e disincantato fino al cinismo, ed insieme voglia di comunicare una proposta ideologica”.

Sulla scena Liliana Randi, Angelo D’Agosta, Luisa Sturiale e Giovanna Mangi; scene e costumi sono di Riccardo Capello, musiche di Nello Toscano, assistente alla regia Agnese Failla.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin