"Sei": al Biondo il riadattamento di Scimone e Sframeli del dramma di Pirandello :ilSicilia.it
Palermo

fino al 24 novembre

“Sei”: al Biondo il riadattamento di Scimone e Sframeli del dramma di Pirandello

di
16 Novembre 2019

La verità si rappresenta fino ad un certo punto“. Buio e luce sono il binomio da cui prende vita la rappresentazione teatrale “Sei”, libero adattamento dai Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello.

Lo spettacolo, in scena al Teatro Biondo fino al 24 novembre, è firmato da Spiro Scimone con la regia di Francesco Sframeli.

Sulla scena da un lato, mossi da azioni parallele, ci sono gli attori di una probabile compagnia pronti a diventare personaggi, dall’altro, dopo il passaggio di buio e luce in sala, appaiono i “Personaggi“.

Sono loro i Sei in cerca di un autore, un qualsiasi autore che permetta la messa in scena il loro “dramma doloroso“.

Sei

L’adattamento di Scimone, che gode della regia lineare e snella di Sframeli, sfonda timidamente il muro del sacro dramma scritto da Pirandello, snellendo personaggi e drammaturgia. Ed è cosi che Sei giunge piacevolmente al pubblico della sala Grande del Biondo.

I due artisti messinesi sono in scena, rispettivamente nei ruoli del Capocomico e del Padre, insieme a Gianluca Cesale (il Primo attore), Giulia Weber (la Madre), Bruno Ricci (il Figlio), Francesco Natoli (il Secondo attore), Mariasilvia Greco (la Prima attrice), Michelangelo Maria Zanghì (il Ragazzo), Miriam Russo (la Seconda attrice), Zoe Pernici (la Figliastra).

Le modifiche, contenute e a tratti appena accennate, non sviliscono nella messa in scena di Sei il nucleo dell’opera pirandelliana che punta i riflettori sulla questione vita/teatro, finzione e realtà.

Il tono monocorde adottato da tutti gli attori in scena, poi, appare funzionale e scelta registica vincente nell’ottica di voler creare un continuum tra il cast artistico e, non ultimo, il pubblico.

Nella rappresentazione è indispensabile la presenza dello spettatore – si legge nelle note di regia – Ed è proprio l’autenticità del rapporto attore-personaggio-spettatore la vera magia del teatro, che ci fa andare oltre la finzione e la realtà“.

Il pubblico, come a sottolineare il destino comune, viene coinvolto nel momento in cui si approfondisce il tema dell’illusione; è a questo punto che gli occhi di tutti gli attori puntano sulla platea.

Sei è una produzione Compagnia Scimone-Sframeli, Teatro Stabile di Torino – Nazionale, Teatro Biondo Palermo, Théâtre Garonne – scène européenne Toulouse; in collaborazione con Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.