Sei città siciliane si candidano per diventare "Capitale della cultura 2020" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Gongola l'assessore regionale ai beni culturali Vermiglio

Sei città siciliane si candidano per diventare “Capitale della cultura 2020”

6 Giugno 2017

Sono sei le città siciliane candidate a diventare capitale italiana della cultura 2020: Agrigento, Catania, Messina, Noto, Ragusa e Siracusa.

Al bando del ministero dei Beni e delle attività culturali hanno partecipato 46 città italiane. La scelta verrà effettuata entro il 31 gennaio 2018 al termine della valutazione dei dossier di candidatura da parte di una giuria di esperti di chiara fama e di una presentazione pubblica di approfondimento.

“Questo dimostra come la Sicilia stia puntando sempre di più – dice l’assessore ai Beni culturali e all’identità siciliana Carlo Vermiglio – con convinzione sul patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico inteso come museo diffuso e cuore di una valorizzazione integrata che metta a sistema le eccellenze dei territori creando crescita economica e sociale”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.