Sei sempre tu "uomo del mio tempo" :ilSicilia.it

Vedremo come al solito foto rubate alle carte di identità e già pronte per la foto ricordo?

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

di
17 Settembre 2021

Carissimi, questi sono i discorsi che sento sempre soprattutto a ridosso delle campagne elettorali e per i quali io non posso fare a meno che sorridere.

La città è sporca“,

Si signora, ma quale è la città pulita e su quale base valuta la pulizia di una città, su ciò che trova per i marciapiedi o sulla pulizia di chi la vive?

Ho vissuto tanti slogan delle precedenti campagne elettorali e dei candidati a sindaco, finanche di quei candidati che si divertono a candidarsi per avere un momento di notorietà ed essere intervistato e partecipare ai dibattiti con i candidati più forti, certi che in famiglia, nel proprio nucleo familiare non prenderanno neanche un voto.

Tutta l’ironia dei pubblicitari si scatena ed escono fuori “santini elettorali” improbabili di persone che non hanno mai alzato il proprio “culo” da una sedia e che per una campagna elettorale si propongono come risolutori di tutti i problemi, è perché?

Perché loro amano la propria città, come se noi altri di contro ce ne fottessimo altamente.

Vedremo come al solito foto rubate alle carte di identità e già pronte per la foto ricordo della lapide del camposanto, ma li bella a colori con il cognome e un motto del caz.. sotto. Troveremo il ragionier tal dei tali che decide di scendere in campo.

Si ma la città oggi è più sporca, ci vorrebbe …”

Un Sindaco Spazzino?

No, ma un sindaco che almeno lo sa fare ……”

Signora mia, imuci arasciu con queste affermazioni, signora lei è un po’ troppo distratta ….”

Come distratta? Ma lei li ha visti quanti topi ci sono per strada?

Signora lei è po’ troppo distratta perché i topi sono sempre quelli di prima, ma li vede per strada perché sono i tanti che stanno abbandonando la nave che affonda ……”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche e mentre le orchestrine (qui ce ne possiamo permettere più di una, non come nel Titanic”) suonano in ogni dove, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri hanno cancellato le effigie dalle loro facciate e dalle carte stampate, in troppi distruggono l’album dei ricordi, i più temerari cancellando le facce nelle foto di gruppo e tutti pronti a rifarsi chirurgiche verginità che dopo un decennio d’uso continuo, capirete bene che diventano interventi difficili, anche per il Prof. Carlo Gasperoni, soprattutto se questo intervento si è  dovuto ripetere a distanza di dieci anni dal precedente.

Basterà soltanto dire “io l’ho votato sempre …. ma negli ultimi tempi non ho condiviso il suo operato”, beh, certo, quando non c’era più nulla da grattare vorrei capire chi è in condizione di condividere l’operato.

Ci sarà di contro chi griderà “non l’ho mai votato, ma quannu sinni va” questa tipologia frequente e tipica di chi non ha votato mai nessuno ma ha domandato con il cappello in mano a tutti coloro che si sono succeduti.

Poi ci sono quelli che decidono (pochissimi, sparuti) di seguire i faraoni nelle tombe e faraone in questo caso non è un cognome, ma solo un ruolo. Accadde per Goebbels, la folle mogli, gli ignari figli e quei pochi generali che in attesa di tradire rimasero sepolti nei bunker e per coloro che finirono appesi a testa in giù accanto all’ombra di un capo che fugge.

Ma la maggior parte, quindi tutto il resto della nazione, è pronta con le nuove bandiere ad accogliere chi vince, al segnale lanciato da chi urla ……. correte è nella piazza accanto, svuotando in un istante (alle prime difficoltà) una piazza stracolma di gente che sta sotto un balcone ad ascoltare un urlatore che fa le faccette e che guarda indossa divise militari di un servizio militare mai fatto in gioventù e di una guerra che personalmente mai farà.

Si, sei sempre tu “uomo del mio tempo”.

Un abbraccio, Epruno

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin