"Sempre più cani e gatti al posto dei figli": scoppia la polemica sulle parole di Papa Francesco, la risposta di Oipa :ilSicilia.it

la dichiarazione

“Sempre più cani e gatti al posto dei figli”: scoppia la polemica sulle parole di Papa Francesco, la risposta di Oipa

di
6 Gennaio 2022

L’inverno demografico continua ad affliggere Papa Francesco. Il Pontefice argentino, che dall’inizio del pontificato solleva periodicamente appelli all’Europa, e all’Italia in particolare, per l’incremento delle nascite, torna sul tema in udienza generale.

La meditazione su San Giuseppe gli dà il la per riflettere sulla paternità e sulla maternità.La nostra, denuncia, è una civiltà “dell’orfanità, un po’ orfana“, che denota “un certo egoismo“. Il ritratto è molto contemporaneo: “Si vede che la gente non vuole avere figli, molte coppie hanno al massimo un figlio, ma due cani o due gatti. I cani e i gatti prendono il posto dei figli. Fa ridere ma è la verità“, osserva. La genitorialità negata, insiste, “toglie umanità, e così la civiltà diviene più vecchia e senza umanità“.

L’invito è a risvegliare le coscienze: “Pensate ad avere figli e, se non potete avere figli, pensate all’adozione, è un rischio, ma è più rischioso non averne“. Sulle adozioni, Francesco sollecita direttamente le istituzioni: “Auspico che siano sempre pronte ad aiutare in questo senso, vigilando con serietà ma anche semplificando l’iter necessario perché possa realizzarsi il sogno di tanti piccoli che hanno bisogno di una famiglia, e di tanti sposi che desiderano donarsi nell’amore“.

Le parole del Papa non piacciono all’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), che nota come il Papa abbia affrontato l’argomento ricevendo i rappresentanti di un circo che “usa animali di specie selvatiche come tigri, leoni ed elefanti, raffigurati nei suoi manifesti pubblicitari, tenendoli in cattività e addestrandoli per intrattenere un pubblico inconsapevole“.

È strano pensare che il Papa consideri l’amore nelle nostre vite limitato quantitativamente, e che dandolo a qualcuno lo si tolga ad altri“, commenta il presidente, Massimo Comparotto. “Forse il pontefice non conosce gli enormi sacrifici che i volontari sopportano pur di salvare vite altrimenti ignorate dalle autorità e dalle istituzioni, nonostante le leggi e i regolamenti prevedano che queste se ne debbano fare carico. È evidente che per Francesco la vita animale è meno importante della vita umana. Ma chi sente che la vita è sacra ama la vita al di là delle specie“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.