Sentenza Contrada, il suo difensore: "Giustizia è fatta" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Soddisfazione da parte del legale che difende il superpoliziotto

Sentenza Contrada, il suo difensore: “Giustizia è fatta”

di
7 Luglio 2017

“Finalmente giustizia è fatta. La corte di Cassazione, in maniera coraggiosa e libera, ha dato esecuzione alla sentenza della corte europea dei diritti dell’uomo eliminando ogni macchia nei confronti di un grande servitore dello Stato”.

Così l’avvocato Stefano Giordano, legale di Bruno Contrada, ha commentato all’Ansa la decisione della Cassazione che, accogliendo in suo ricorso, ha revocato la condanna a 10 anni per concorso in associazione mafiosa, inflitta a Palermo all’ex numero due del Sisde.

La Cassazione, con un provvedimento ora definitivo e non più impugnabile, ha dichiarato “ineseguibile e improduttiva di effetti” la sentenza di condanna interamente scontata dall’imputato”.

Non sono ancora note le motivazioni della decisione della Suprema Corte che verranno depositate nei prossimi mesi

 

© Riproduzione Riservata
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin