Sentenza Trattativa, i giudici fanno i nomi: "Eclatanti dimenticanze e ruolo ambiguo di Liliana Ferraro" :ilSicilia.it
Palermo

Gli "smemorati" di Stato

Sentenza Trattativa, i giudici fanno i nomi: “Eclatanti dimenticanze e ruolo ambiguo di Liliana Ferraro”

20 Luglio 2018

PALERMO Liliana Ferraro, che prese il posto di Giovanni Falcone come direttore generale degli Affari penali del ministero della Giustizia e con cui aveva un rapporto “storico“, ha reso una “deposizione sorprendente” con “eclatanti dimenticanze”.

Lo scrive la Corte d’assise di Palermo nelle motivazioni della sentenza sulla trattativa Stato-mafia. I giudici bacchettano la Ferraro, che avrebbe saputo dei contatti per la presunta trattativa tra i carabinieri del Ros (Mori e De Donno) e Vito Ciancimino ma non ne avrebbe parlato per 20 anni e quando lo ha fatto la sua ricostruzione è stata “poco credibile”.

“Si è ritenuto opportuno – scrive il presidente estensore Alfredo Montalto – le suddette considerazioni perché, pur senza volere ritenere che, come adombrato dal pm attraverso alcune domande, quelle reticenti dichiarazioni possano essere conseguenza del rapporto in qualche modo instaurato dalla Ferraro con i Servizi di Sicurezza di questo Paese quale consulente del competente dipartimento presso al Presidenza del Consiglio, non v’è dubbio che traspare dalla testimonianza della Ferraro un atteggiamento complessivamente ambiguo che fa il paio con l’evidente tentativo di minimizzare gli approcci del Ros con Vito Ciancimino”.

La Ferraro infatti ha riferito dell’iniziativa di Mori il 14 novembre 2009, solo “dopo che ne aveva riferito l’ex ministro Martelli”. Anche Martelli tuttavia si è ricordato di riferire dell’incontro tanti anni dopo.  L’unico dato certo è che “le dichiarazioni di Massimo Ciancimino – si legge nella sentenza Trattativa – hanno fatto recuperare la memoria a molti esponenti delle istituzioni (da Claudio Martelli a Liliana Ferraro al presidente della commissione antimafia Violante al ministro Conso)”.

“L’ex presidente della commissione nazionale antimafia, Luciano Violante, per molti anni ha taciuto l’intervento fatto da Mori nei suoi confronti e l’ha fatto tardivamente e dopo che ne aveva fatto cenno Massimo Ciancimino”. Scrive la Corte d’assise di Palermo nelle motivazioni della sentenza sulla trattativa Stato-mafia. Il col. Mario Mori portò a Violante la proposta di Vito Ciancimino di incontrarlo in maniera riservata. Proposta che il presidente dell’Antimafia rifiutò dicendo di fare un’istanza ufficiale per essere ascoltato dalla Commissione.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.