"Sentenze pilotate", Gennuso si difende: "Rientrerò dall'estero, sono innocente" :ilSicilia.it

La dichiarazione del deputato regionale

“Sentenze pilotate”, Gennuso si difende: “Rientrerò dall’estero, sono innocente”

di
7 Febbraio 2019

Non so nulla. Non so delle accuse. Sono all’estero“. Lo dice, contattato dall’Agi, il deputato regionale siciliano, Giuseppe Gennuso, tra i quattro destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa per corruzione in atti giudiziari nell’ambito dell’inchiesta della procura di Roma sulle sentenze pilotate al Consiglio di Stato e al Consiglio di giustizia amministrativa della Regione siciliana.

La misura a suo carico non è stata ancora eseguita perché attualmente all’estero. “Sono Berlino – spiega – non so di nessun caso di sentenze pilotate e non mi riguarda, riguarda chi ha commesso reati, io certamente non ne ho commessi”. E afferma: “Rientrerò dall’estero, perché non dovrei farlo? Stasera o domattina rientrerò in Sicilia, sicuramente. Sono innocente, non c’entro minimamente, non c’entro completamente. E non sono in fuga, si chiarirà tutto“.

Secondo quanto si apprende dall’indagine sul deputato siciliano, dopo che perse le elezioni regionale del 2012, avrebbe trovato in un altro degli attuali arrestati, l’ex presidente del Consiglio di giustizia amministrativa siciliana Raffaele Maria De Lipsis, in cambio di una tangente di 30 mila euro, un alleato nel collegio che accolse il suo ricorso, ribaltando la sentenza di primo grado, facendo poi rivotare. Gennuso venne eletto, appunto, in quella elezione.

 

Leggi anche:

‘Sentenze pilotate’, arresti domiciliari per il deputato regionale Gennuso

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per