19 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.48
Messina

L'operazione dei carabinieri

Sequestrata discarica abusiva nel Messinese: “I maiali mangiavano i rifiuti”

5 Dicembre 2018

I carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Catania hanno sequestrato, su delega della Procura di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), l’area adibita a ex centro raccolta rifiuti del comune di Milazzo. L’area, di circa 2.500 metri quadri, è stata trasformata, di fatto, in un vero e proprio centro di stoccaggio di rifiuti operante in assoluta irregolarità in quanto priva delle necessarie autorizzazioni di carattere ambientale di competenza della ex provincia di Messina o della Regione Siciliana.

discarica MilazzoSul posto, grossi cumuli di rifiuti organico, speciali (vecchi mobili, divani, suppellettili) e anche di tipo speciale pericoloso (frigoriferi, televisori e apparecchiature elettriche ed elettroniche).  Durante il controllo è anche emersa la presenza di numerosi suini, provenienti da un vicino allevamento, che si cibavano abitualmente dei rifiuti presenti sul sito. L’allevamento in questione, successivamente controllato dal Nas carabinieri di Catania e all’interno del quale vi erano oltre 200 suini, è stato sottoposto a sequestro sanitario.

Il provvedimento di sequestro è stato notificato a dirigenti e funzionari del settore ambientale Comune di Milazzo, che sono stati chiamati sul posto e poi convocati presso la caserma. Al momento non sono state rese note le generalità delle persone ritenute potenzialmente responsabili di illeciti di carattere ambientale o amministrativo.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.