Sequestrata la "Mare Jonio", era carica di migranti in acque italiane | Foto :ilSicilia.it

a bordo il solito Luca Casarini

Sequestrata la “Mare Jonio”, era carica di migranti in acque italiane | Foto

di
10 Maggio 2019

Ci risiamo, la Mare Jonio, la nave appartenente alla ong “Mediterranea Save humans“, oggi ha nuovamente deciso di sfidare il governo italiano e il ministero degli Interni.

L’imbarcazione, che ha per coordinatore l’ex esponente dei centri sociali, già parlamentare dell’estrema sinistra e protagonista della contestazione al G8 di Genova Luca Casarini, ieri aveva infatti caricato una trentina di persone al largo delle coste libiche ed è entrata all’alba nelle acque nazionali italiane, chiedendo un “porto sicuro” nel quale attraccare, in barba a quanto più volte affermato dalle autorità italiane. Non c’e stato però un nuovo braccio di ferro tra i membri della ong e il nostro Paese, dopo che la nave quest’inverno, si era resa protagonista di un altro simile episodio.

A comunicare l’entrata nelle acque italiane era stato lo stesso Casarini con un post su Facebook: “La Mare Jonio- scrive – con a bordo le 30 persone salvate nel tardo pomeriggio di ieri a 40 miglia dalle coste libiche, ha fatto il suo ingresso nelle acque territoriali italiane 12 miglia a sud di Lampedusa. In questo momento è stata raggiunta da due unità della Guardia di Finanza per un “controllo di polizia”. Chiediamo l’ingresso in un porto sicuro dove sbarcare uomini, donne incinte e bambina a bordo”.

Nella tarda mattinata la guardia di finanza ha però sequestrato la nave. I militari, hanno reso noto fonti del Viminale, dopo esser saliti a bordo avrebbero rilevato alcune irregolarità e proprio per procedere il sequestro è stato consentito alla Mare Jonio di entrare nel porto di Lampedusa.

L’accusa ipotizzata nei confronti dell’equipaggio è favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Mi risulta che la nave Jonio non entrerà a Lampedusa da nave libera”, dice il ministro Matteo Salvini.

“Non voglio portare via il lavoro ai magistrati. Io faccio il ministro dell’Interno e garantisco la sicurezza ai cittadini. Mi risulta che a bordo ci siano stati gli uomini della Finanza e che abbiamo fatto i rilievi del caso. Tutto questo è stato sottoposto all’autorità giudiziaria. Aspetto la soluzione positiva di questa vicenda”.

Anche il premier Giuseppe Conte reputa necessario il provvedimento della guardia di finanza: “Circa la vicenda della nave Mare Jonio – spiega, conversando con i cronisti fuori da Palazzo Chigi – ci siamo sentiti con Salvini e siamo d’accordo sul sequestro, la nave era stata già diffidata, ora si faranno le verifiche”.

 

AGGIORNAMENTO

Sbarcati a Lampedusa i trenta migranti soccorsi e tratti in salvo dalla nave Mare Jonio, giunta stamane nel porto dell’isola. Tra i profughi anche due donne incinte, una bimba di 1 anno e quattro minori non accompagnati. La nave è arrivata al porto scortata da una motovedetta della Guardia di Finanza che ha poi proceduto al “sequestro di iniziativa” per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Su Facebook il plauso del ministro Salvini: “Ultimo viaggio per la nave dei centri sociali Mar Jonio: bloccata e sequestrata. Ciao ciao”

 

Guarda il post su Facebook:

 

 

Guarda la fotogallery in basso

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin