Sequestro al "professore" Sutera, il boss fidato di Messina Denaro che spaccò la Procura di Palermo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Agrigento

Il suo arresto finì dinanzi al Csm

Sequestro al “professore” Sutera, il boss fidato di Messina Denaro che spaccò la Procura di Palermo

di
6 Dicembre 2016
leosutera-4fe9e1355332aLa cattura costò una guerra fratricida all’interno della Procura di Palermo, ma adesso il suo patrimonio è sotto sigillo. Ammonta a 400 mila euro il valore del sequestro operato dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Agrigento ai danni di Leo Sutera, boss di Sambuca di Sicilia, condannato a quattro anni di carcere per mafia e presunto “reggente” di Cosa nostra nella provincia di Agrigento, detto “il professore”. Tra i beni sequestrati, un villino situato sulle alture di Sambuca di Sicilia, vari appezzamenti di terreno nello stesso comune, quote societarie di un esercizio commerciale di Sciacca, cavalli gestiti in un maneggio a Sambuca, risorse liquide su rapporti di conto e di deposito riconducibili a Sutera e ai suoi congiunti.

messineo_francesco_nSutera era stato arrestato nell’ambito dell’inchiesta antimafia “Nuova Cupola” il 14 luglio 2012 e l’operazione portò ad una spaccatura insanabile tra il procuratore capo di Palermo, Francesco Messineo e l’attuale procuratore aggiunto Teresa Principato. Entrambi stavano indagando sul boss agrigentino e proprio nel mese di maggio, gli investigatori ascoltarono una conversazione eloquente: Sutera diceva di aver incontrato Messina Denaro. “L’ ho visto, quasi non lo riconoscevo. Fu iddu che mi disse: “Non mi riconosci?”. Era fatto siccu. E cominciò a parlare di appalti”.

La pista era quella giusta e la Principato, assieme ai sostituti Paolo Guido e Marzia Sabella monitorarono l’uomo che a giugno avrebbe dovuto incontrare il boss latitante. Sul punto arrivò perfino una nota dei Servizi segreti ma poco dopo da Agrigento giunse a Messineo una richiesta di arresto per Sutera dalla locale Procura. Da Trapani giunse un neit secco: il professore non si tocca perché ci condurrà a Messina Denaro. Il capo della Procura palermitana ascoltò l’intercettazione non ravvedendo alcun indizio concreto. Nell’immediato il pm Vittorio Teresi fece scattare l’operazione “Nuova Cupola”. Del caso in seguito se ne occupò anche il Csm, ascoltando i magistrati, ma poi Messineo andò in pensione e la vicenda si chiuse lì.

Tra i primi pentiti a citare Leo Sutera e’ stato Giovanni Brusca che raccontò i legami tra il boss e Leoluca Bagarella. Anche Matteo Messina Denaro avrebbe confermato a Brusca i suoi buoni rapporti con gli esponenti di Sambuca e con Leo Sutera che avrebbe aiutato Messina Denaro in occasione della faida di Partanna. Il nome del boss di Sambuca inoltre è emerso lo scorso aprile, nell’ambito dell’operazione Triokola, condotta dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Agrigento. L’inchiesta avviata nel 2009 e coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Scalia e dai sostituti Rita Fulantelli, Emanuele Ravaglioli e Claudio Camilleri, ha dimostrato l’estrema influenza di Sutera nell’intero territorio agrigentino.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.