Sequestro deposito carburante all'aeroporto di Lampedusa, Martello a Regione: "Si riattivi" :ilSicilia.it
Agrigento

LE DICHIARAZIONI DEL SINDACO DI LAMPEDUSA

Sequestro deposito carburante all’aeroporto di Lampedusa, Martello a Regione: “Si riattivi”

di
7 Giugno 2021

Il gip tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, ha convalidato il sequestro preventivo dell’aviorifornitore della Nautilus Aviation spa, su richiesta della Procura. Il gip ritiene che la disponibilità del bene in capo alla Nautilus poteva mettere a repentaglio la “salute dei lavoratori e la pubblica incolumità” .

Il sequestro preventivo dell’unico aviorifornitore (il mezzo che si occupa del rifornimento di carburante ad aerei ed elicotteri) – dopo quello del deposito che è avvenuto esattamente un mese fa – era stato realizzato venerdì sera scorso dalla Guardia di finanza. Ed era stato fatto al termine di un approfondito accertamento eseguito dai consulenti tecnici della Procura nell’ambito dell’inchiesta, coordinata dall’aggiunto Salvatore Vella e dal pm Cecilia Baravelli, in cui era già stato sequestrato, appunto, l’unico deposito di carburante per aerei presente in aeroporto a Lampedusa. Il provvedimento non ha creato stravolgimenti per il traffico aereo perché i mezzi possono arrivare e tornare senza rifornirsi a Lampedusa ma rischia di creare disagi per gli elicotteri, compresi quelli dei mezzi di soccorso e del 118. E a Lampedusa non c’è un ospedale.

Il sequestro da parte dell’Autorità giudiziaria dell’unico deposito carburante presente nell’aeroporto di Lampedusa rischia di avere conseguente anche molto gravi per la nostra comunità sia dal punto di vista turistico, e quindi per l’economia dell’isola, ma soprattutto dal punto di vista sanitario dal momento che senza l’utilizzo dell’impianto non è possibile assicurare il regolare rifornimento alle eliambulanze del 118“. Lo dice il sindaco di Lampedusa e Linosa Totò Martello che ha scritto una lettera al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, all’assessore alla Salute Ruggero Razza, all’assessore al Turismo Manlio Messina, all’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone ed al Prefetto di Agrigento Maria Rita Cocciufa chiedendo loro di attivarsi affinché, nelle more della definizione del procedimento giudiziario che ha portato al sequestro, si possano garantire le condizioni di sicurezza dell’impianto e lo stesso possa essere rimesso in funzione, se necessario sotto la gestione della Protezione Civile, dell’Aeronautica Militare o di un Ente indicato dall’Autorità Giudiziaria.

Proprio in un momento nel quale le attività economiche e commerciali stanno faticosamente iniziando a risollevarsi dagli effetti della pandemia Covid – aggiunge – è inaccettabile che l’isola di Lampedusa non possa contare sulla piena operatività dei servizi aeroportuali. Non entro nel merito delle motivazioni che hanno portato al sequestro, ma da sindaco ho il dovere di tutelare la mia comunità: chiedo dunque a tutte le Autorità interessate di attivarsi immediatamente, ognuno nel proprio ambito di competenza, per trovare una soluzione e garantire ai nostri concittadini ed ai turisti che arrivano nelle Pelagie tutti i servizi essenziali legati alla mobilità ed alla sicurezza sanitaria“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin