Sergio Mattarella a Siracusa per Cherif Bassiouni | VIDEO E FOTO :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Siracusa

domenica 23 settembre

Sergio Mattarella a Siracusa per Cherif Bassiouni | VIDEO E FOTO

di
22 Settembre 2018

Guarda il video in alto

Il presidente della repubblica Sergio Mattarella sarà a Siracusa domenica 23 settembre al The Siracusa International Institute. L’occasione è la cerimonia commemorativa dedicata, ad un anno dalla sua morte, al professore Cherif Bassiouni, presidente e fondatore di uno degli istituti internazionali di scienze criminali più prestigiosi al mondo, con sede a Siracusa dal 1972.

Tra i partecipanti alla cerimonia oltre al presidente della regione siciliana Nello Musumeci e al giudice della Corte Penale Internazionale Rosario Aitala, anche gli ex ministri della giustizia, Giovanni Maria Flick, Paola Severino, la senatrice Emma Bonino e John Vervaele presidente dell’AIDP.

Da domenica il Siracusa International Institute (già ISISC), la cui sede è al centro di Ortigia a due passi dal Duomo e dalla Giudecca, aprirà la sua sede ai massimi rappresentanti delle istituzioni internazionali, ad alti funzionari, magistrati e presidenti di tribunali. Più di 160 partecipanti da ogni parte del mondo, proprio come avrebbe desiderato il professore Bassiouni.

Ancora oggi, ad un anno dalla sua scomparsa, tra i funzionari dell’istituto c’è grande commozione e il suo ricordo rimane indelebile anche attraverso la stessa moglie Elaine Klemen Bassiouni, arrivata a Siracusa da Chicago.

Tutto organizzato sin nei minimi dettagli, dal sistema di sicurezza alla deviazione del traffico sull’isolotto che vedrà domenica nel primissimo pomeriggio (è previsto per le 15) l’arrivo del presidente della Repubblica.

In questa occasione per onorare un uomo di grande saggezza, un diplomatico tra i maggiori esperti di diritto internazionale come Cherif Bassiouni – ha commentato Ezechia Paolo Reale, segretario generale del Siracusa International Institute – non solo verrà scoperta una targa commemorativa in suo onore ma lo stesso Istituto prenderà il nome di “M. Cherif Bassiouni Centre” perché è grazie a lui che Siracusa dagli inizi degli anni settanta è diventato uno dei centri internazionali del diritto penale più prestigiosi al mondo”.

Ed il mondo intero del diritto penale internazionale sarà presente a Siracusa, dal Cile alla Svezia, dall’Argentina al Giappone, dalla Palestina agli Stati Uniti.

Un momento storico per Siracusa quello di domenica – commenta il procuratore Jean Francois Thony presidente del Siracusa International Institute – Cherif Bassiouni –  ha speso tutta la sua vita per la protezione dei diritti umani e la pace. Un lavoro duro e faticoso, spesso silenzioso, il suo, ma al tempo stesso indispensabile per eliminare profonde ingiustizie e dare una speranza di pace. Un momento di ricordo, di preghiera ma anche occasione straordinaria per parlare di giustizia e di diritti umani”.

Cherif Bassiouni – ha concluso Ezechia Paolo Reale – è stato e continua ad essere ancora oggi un grande maestro per tutti. La sua massima disponibilità all’ascolto e la sua attenzione alla formazione dei giovani giuristi e penalisti di tutto il mondo era commovente. Il suo sguardo, la sua voce la possiamo vedere e sentire ancora tra le mura dell’Istituto ed oggi un documentario realizzato da Loredana Faraci ed Umberto Guidi ci ricorda chi ha operato per il bene della comunità umana intera, sempre dalla parte dei popoli, come direbbe lo stesso professore Bassiouni”.

 

Scorri la fotogallery in basso

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco