Serie D, FC Messina: "Campionato combattuto, noi ci siamo" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

I PELORITANI SCENDONO IN CAMPO

Serie D, FC Messina: “Campionato combattuto, noi ci siamo”

di
7 Agosto 2019

Continua il nostro viaggio all’interno della prossima Serie D alla scoperta del futuro Girone I, quello delle squadre siciliane. Dopo aver sentito la dirigenza del Marsala, oggi parliamo del FC Messina, società del presidente Rocco Arena. I giallorossi escono da una stagione altalenante, culminata con un quattordicesimo posto in classifica e una salvezza conquistata ai play-out.

La società, tramite il proprio ufficio stampa, ha espresso alcune considerazioni sulla stagione che verrà: “Ci sembra un campionato più combattuto dello scorso anno, dove il Bari stava due spanne sopra a tutti. Il Palermo è in ritardo, ma è una grande squadra. Molte squadre stanno lavorando bene“.

Con riguardo agli obiettivi stagionali, i peloritani hanno le idee chiare: “Quando parli di una società che porta il nome “Messina”, la società deve puntare sempre in alto. Il presidente Rocco Arena è dovuto partire dall’anno zero, ma gli strumenti che la società sta mettendo a disposizione sono importanti“.

La società è impegnata anche sul fronte mercato: “La società ha chiuso colpi importantissimi, si è mossa per tempo. Sul fronte over, considerando elementi quali Giuffrida o Marchetti, possiamo dire che sta nascendo una buona formazione. Cerchiamo ancora una punta“.

I messinesi torneranno presto in città: “Fino al 7 agosto saremo in ritiro in Sila, location voluta da mister Costantino. Rientremo a Messsina giovedì 8 agosto e riprenderemo la preparazione il 10, in attesa del primo turno di Coppa Italia“.

Sul fronte impiantistica, il gruppo dirigente del FC Messina si allinea a quanto espresso dall’ufficio stampa del Marsala: “Noi siamo l’esempio palese della crisi degli impianti sportivi. Il San Filippo è il solo stadio fruibile in Serie D, ma il manto erboso è in condizioni pietose. Abbiamo preso in carico il Celeste e si sta tentando di recuperarlo“.

Serie D, Marsala Calcio: “Puntiamo alla medio-alta classifica”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.