Serie D, Marsala Calcio: "Puntiamo alla medio - alta classifica" :ilSicilia.it
Trapani

il campionato STA PER COMINCIARE

Serie D, Marsala Calcio: “Puntiamo alla medio-alta classifica”

5 Agosto 2019

All’interno del girone I del campionato di Serie D 2019-2020 ci sarà anche il Marsala calcio, società sportiva classificatasi terza nello scorso torneo dilettantistico. Abbiamo sentito la dirigenza marsalese relativamente alle impressioni sul futuro campionato in cui militerà, salvo smentite, anche la SSD Palermo di Dario Mirri e Tony Di Piazza.

Attraverso l’ufficio stampa del club, la dirigenza del Marsala ha espresso la propria opinione su vari temi, a cominciare dallo scorso campionato e dal futuro piano d’azione societario: “Il Bari ha portato visibilità, ma è stato un campionato molto costoso. Cambia poco arrivare secondi o dodicesimi in chiave play-off. Qualche strascico (lo scorso campionato n.d.r.) l’ha lasciato, faremo quindi un campionato di contenimento, per rientrare dal punto di vista economico. Stiamo allestando una squadra giovane ma di qualità“.

Il Marsala punterà quindi sui giovani, ma dovrà sicuramente rimpiazzare Mario Giappone, portiere classe 2001 accasatosi tramite art. 108 al Taranto. Intanto, proprio sul fronte mercato, la società trapanese ha comunicato l’acquisto a titolo definitivo del centrocampista classe 2000 Mattia Castrovillari, fantasista dalle spiccate qualità tecniche, trequartista naturale ma all’occorrenza mezzala di centrocampo ed esterno d’attacco proveniente dal Lecce.

Relativamente alle ambizioni di classifica, la società mantiene i piedi per terra: “Punteremo ad un campionato di medio – alta classifica. Abbiamo ottimi elementi quali Fecarotta, Manfrè, Balistreri..siamo fiduciosi, un pò meno quotati dello scorso anno, ma il Marsala c’è“.

Il Marsala potrà certamente contare su un piano societario solido e su un ottimo bacino d’utenza, ma dovrà sicuramente far fronte alle condizioni dello stadio “Antonino Lombardo Angotta”, il cui fondo campo è da rifare. A tal proposito la società sottolinea che “Marsala è la quinta città della Sicilia, viene l’amaro in bocca. Lo stadio potrebbe ospitare la Serie B, ha dodici mila posti, ma il fondo campo non è adeguato“. A tal proposito la società sta cercando una mediazione con il comune di Marsala, per cercare di accedere a dei fondi regionali destinati all’impiantistica sportiva. La società intanto sarà costretto a giocare un paio di partite almeno in campo neutro, probabilmente a Mazara.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.