Servizio pulizia Università di Messina, lavoratori senza stipendio. Protesta ad oltranza, previsto un tavolo tecnico :ilSicilia.it
Messina

Previsto un tavolo tecnico

Servizio pulizia Università di Messina, lavoratori senza stipendio. Protesta a oltranza

di
28 Settembre 2017

Protesta ad oltranza per far valere i propri diritti. Una trentina di lavoratori impegnati nel servizio di pulizia dei locali dell’Università di Messina hanno manifestato all’esterno del Rettorato, in piazza Pugliatti, per chiedere garanzie sul proprio futuro occupazionale. L’iniziativa, promossa nell’ambito dello sciopero a oltranza indetto dalla Fisascat Cisl Messina, coinvolge i dipendenti della Con. For. Service, che è la ditta che gestisce l’appalto di pulimento dell’Università di Messina per conto della Manital.

La Con. For. Service, “già lo scorso anno, proprio a settembre – si legge in una nota della Fisascat decise unilateralmente di ridurre l’orario di lavoro ai dipendenti. Adesso il rischio è legato agli stipendi e la vertenza di Messina si inserisce in quella nazionale, per la quale sono stati già convocati i tavoli con le segreterie nazionali dei sindacati e l’azienda stessa”. Il problema, fa sapere il sindacato, è legato alla liquidità che non consente di pagare lo stipendio di settembre. “C’è la possibilità che venga erogato un acconto – sottolinea il segretario generale della Fisascat Cisl Messina, Salvatore D’Agostinoma ci rendiamo conto cosa significa un acconto per un lavoratore che guadagna 400 euro al mese?”. Da qui la decisione di scendere in piazza “per chiedere all’Ateneo di Messina di intervenire presso la Manital e, nel caso di risposte non soddisfacenti, di procedere anche alla revoca dell’appalto di pulizia dell’Università”.

Il rettore Pietro Navarra ha incontrato nelle scorse ore un gruppo di lavoratori delle ditte che gestiscono il servizio di pulizia all’interno dell’Ateneo, accompagnati dai rappresentanti della Fisascat-Cisl. Alla luce delle problematiche esposte dai lavoratori, i quali lamentano continui ritardi nella corresponsione degli stipendi, il rettore ha deciso di convocare un tavolo tecnico per la prossima settimana, a cui saranno invitati a partecipare, oltre all’amministrazione universitaria, alcuni rappresentanti dei lavoratori, e i responsabili delle ditte stesse.

“A fronte di quanto affermato dai lavoratori – dice Navarra emerge l’immediata esigenza di fare piena chiarezza su questa vertenza. L’Università paga regolarmente chi si è aggiudicato l’appalto, rispettando i termini previsti dal contratto. A fronte di tutto ciò, assistiamo a interruzioni del servizio, a causa di continue proteste dei lavoratori che invece non sembrerebbe vengano retribuiti con la stessa regolarità. Già in passato avevamo inviato delle sollecitazioni, ma le rassicurazioni fornite dalle ditte tanto all’Università quanto ai lavoratori, appaiono essere state disattese. I responsabili aziendali, pertanto, sono chiamati a risolvere prontamente il problema per non compromettere i termini contrattuali previsti nel contratto stipulato con l’Ateneo”.

Intanto i lavoratori non vengono pagati e ribadiscono di essere determinati a proseguire nella protesta per far valere i propri diritti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin