Sfiducia ad Orlando, Figuccia: "Una pagina nera per Palermo" :ilSicilia.it
Palermo

la nota

Sfiducia ad Orlando, Figuccia: “Una pagina nera per Palermo”

di
14 Settembre 2020

Oggi abbiamo assistito ad una vera e propria pagina nera per la città di Palermo con 20 consiglieri comunali contro 19 che sono corsi in soccorso ad un sindaco che ha mostrato l’incapacità sui temi più svariati: dai rifiuti agli impianti cimiteriali passando per la mobilità – a dirlo è Vincenzo Figuccia deputato dell’Udc all’Ars e leader del Movimento Cambiamo la Sicilia che prosegue – domani pubblicherò sulla mia pagina facebook l’elenco di tutti i consiglieri orlandiani che hanno deciso di fare da stampella ad un’amministrazione assolutamente incapace. Orlando avrà potuto convincere con i suoi mezzi 20 consiglieri comunali ma certamente i palermitani rimangono tutti dello stesso parere. La giornata di oggi dunque, segna uno spartiacque tra le forze politiche della città. Nessuno dei consiglieri comunali che non ha votato la sfiducia ad Orlando – conclude – pensi di poter fare il voltagabbana salendo la prossima volta sul carro dei vincitori“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.