13 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.21
Siracusa

la manifestazione dei militanti

Sfilano con le maschere dei “sindaci dell’accoglienza”: protesta di CasaPound a Siracusa

3 Febbraio 2019

La sera del 2 febbraio i militanti di CasaPound hanno percorso il centro di Siracusa con indosso le maschere di Orlando, Italia, Tranchida e Bonfanti distribuendo volantini in cui si invitavano i cittadini ad accogliere gli immigrati nelle proprie abitazioni “come indubbiamente faranno i sindaci di Palermo, Siracusa, Trapani e Noto che hanno lanciato lo slogan ‘aprite i porti’ “.

Abbiamo pensato di dare una mano ai sindaci più ‘accoglienti’ d’Italia – dichiara CasaPound in una nota – che finora sono apparsi come paladini di umanità e misericordia sulla carta, senza ospitare allo stato attuale alcun ‘migrante’ in casa propria”.

casapoundAnche se fanno di tutto per nasconderlo – continuano da CasaPound –  sappiamo bene che l’attenzione ai bilanci comunali e la cura dei cittadini siciliani in difficoltà economica sono tra le priorità di questi sindaci e che quindi non vorrebbero mai sottrarre a questi le già scarse risorse di cui dispongono”.

” È per questo motivo che li aiutiamo a rendere concreto lo spirito d’altruismo così elevato che li ha fatti balzare alle cronache nazionali non certo per brama di passerelle politiche”.

Abbiamo dunque distribuito centinaia di inviti ad accogliere a proprie spese e nelle proprie abitazioni tutti gli immigrati che le Ong trasportano a proprio piacimento dalle coste libiche a quelle italiane. Così come faranno loro – conclude la nota – per dare il buon esempio”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.