Sgarbi attacca Orlando: "Premia Pignatone che diffamò Roma" :ilSicilia.it
Palermo

la polemica

Sgarbi attacca Orlando: “Premia Pignatone che diffamò Roma”

di
5 Novembre 2019

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, ha conferito stamane la cittadinanza onoraria a Giuseppe Pignatone ex procuratore capo di Roma, nominato da Papa Francesco presidente del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano. La cerimonia si è tenuta a palazzo delle Aquile alla presenza del procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, del questore di Palermo Renato Cortese e del comandante della guardia di Finanza di Palermo Antonio Nicola Quintavalle Cerere.

Cittadinanza a Pignatone, Palermo“Sto a Palermo da 60 anni e tornerò a Palermo in controtendenza con quanto sta avvenendo nel sud dove oltre un milione di giovani sono andati via – ha detto Pignatone – Questo passaggio conclude un ciclo della mia vita professionale, 45 anni in magistratura vissuti in gran parte in Sicilia e anche fuori sempre conservando memoria dell’esperienza e venendo accusato sistematicamente di essere palermitano e siciliano. Io credo che lo Stato italiano – ha osservato Pignatone – ha combattuto e vinto una guerra contro la mafia corleonese ,la mafia delle stragi, della sfida alle istituzioni rispettando i principi costituzionali che garantiscono la libertà della persona. Lo testimoniano le non poche assoluzioni pronunciate dai giudici palermitani che pure avevano visto cadere i colleghi e tanti servitori dello Stato. Certo la mafia non è scomparsa ma io credo che dopo l’11 aprile del 2006 la mafia non è più quella di prima, non è riuscita a ricostituire la commissione provinciale di Palermo quell’organismo di vertice che era il punto nevralgico della sua potenza e ha perso il ruolo di broker mondiale degli stupefacenti che era la ragione della sua ricchezza straordinaria. Io credo che sia giusto dire che questa mafia è stata sconfitta e che questo risultato è stato raggiunto grazie alla reazione della società civile”.

Vittorio Sgarbi, polemizzando col sindaco Orlando, attacca: “La cittadinanza di Palermo a Pignatone è un insulto a Roma, da lui gravemente diffamata, sostituendone il nome con quello della Mafia, l’ultimo gesto dadaista di Palermo capitale italiana della cultura che, grazie a Pignatone, ha assimilato Roma al suo primato mafioso. Palermo incorona e si riprende, come cittadino, il suo eroe, premiandolo per concorso esterno”, conclude.

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Un siciliano alla guida del Tribunale Vaticano, lo ha scelto Papa Francesco

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin